Cerca

disgusto

Matteo Salvini, video choc del giovane democratico: "Perché non stai a casa a fare dei pom***?"

26 Gennaio 2020

6
Matteo Salvini, video choc del giovane democratico: "Perché non stai a casa a fare dei pom***?"

Un video choc di un democratico che, in auto, canta una vergognosa canzone contro Matteo Salvini. "Voglio cantarvi questa melodia che è da un po' di giorni che mi balza in testa - inizia così il giovane - Salvini, Salvini, perché non stai a casa a fare dei pom***?". E ancora, sempre più vergognoso: "Meglio che non entri nei nostri confini. Sei un idiota, lo sanno anche i bambini. Bologna non ti vuole, li caccia i cretini. Odio, indifferenza da Fini. Sei una mer** peggio di Mussolini". Immediata la replica del leader della Lega che, con tanto di video allegato, scrive: "#oggivotoLega anche alla faccia di questo qua. Ma si può??? Che belle parole di amore e di pace...". 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Carlito58

    29 Gennaio 2020 - 04:00

    ..... il solito rapper sinistro che vuol fare il ministro .... forse disoccupato e col cervello avariato ... e sarà subito dimenticato ...

    Report

    Rispondi

  • Karl Oscar

    26 Gennaio 2020 - 17:10

    Vergognati .... democratico; ma poverino sei tanto ignorante che non capisci il significato delle parole

    Report

    Rispondi

  • carlooliani

    26 Gennaio 2020 - 14:16

    Anche gli stronzi cantano in Emilia, terra dei miracoli! Chissà che da oggi il dito medio che ha mostrato con tanto di sorriso debba proprio infilarlo in se stesso. Magari gli piace anche.....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Santori, dopo il bimbo autistico altro disastro: "Alle sardine non interesse chi vince, ma..." 

Matteo Salvini, droga in Parlamento: "Gli ho guardato gli occhi, secondo me...". Ovazione in piazza
Vela Verde di Scampia, iniziato l'abbattimento: Napoli dice addio al simbolo di Gomorra
Matteo Renzi assente in aula, non vota la fiducia al governo sul decreto intercettazioni

media