Cerca

odio

Vauro, la vergognosa vignetta sul Fatto Quotidiano dopo il sì al processo contro Matteo Salvini

13 Febbraio 2020

6
Vauro, la vergognosa vignetta sul Fatto Quotidiano dopo il sì al processo contro Matteo Salvini

Vauro Senesi sempre più provocatorio. Il vignettista politicamente schierato, a ridosso del via libera in Senato sul processo a Matteo Salvini, delizia il leader della Lega con una delle sue solite raffigurazioni. Sul Fatto Quotidiano Vauro disegna l'ex ministro dell'Interno che afferma: "A testa alta", sopra la descrizione "Caso Gregoretti, Salvini a processo" e sotto la frecciatina: "E a c**o parato".

Anche dopo la decisione del Senato, quella che potrebbe punire Salvini con 15 anni di carcere per aver negato lo sbarco di 131 migranti, Vauro si diverte senza alcun ritegno. Insomma, niente di più rispetto a quanto ci ha abituati. 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • losangelestime

    18 Febbraio 2020 - 16:39

    VAURO. IL PIFFERAIO DEI MEDIA, LO HA FISCHIATO A TUTTI.

    Report

    Rispondi

  • apostrofo

    14 Febbraio 2020 - 01:59

    Non mi diverte affatto. Mi rattrista profondamente la presenza sua e di qualcun altro, e costui ha la pretesa di "dire la sua" in modo costruttivo. E' povero scherno di un poveruomo che un mattina ha pensato di essere spiritoso e non penoso. Se questi fanno il livello della cultura italiana, vuol dire che abbiamo toccato il fondo

    Report

    Rispondi

  • Artaserse

    13 Febbraio 2020 - 22:04

    unocometanti......lo dobbiamo a lei il rispetto........è chiaro che a casa sua non ci sono specchi!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

"Se ne deve andare". La meloniana in aula con mascherina, insultata  "Vengo da Milano, e..." 

Coronavirus, controlli a Casalpusterlengo: ritardi nei treni a Milano
Coronavirus, Beppe Sala: "Rispettate le regole e niente corse ai supermercati per accaparrarsi cibo"
Coronavirus, Franco Bechis contro Giuseppe Conte & Co: "Cosa diceva il premier, chi sono i veri sciacalli"

media