Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Paolo Mieli a Tagadà su Giuseppe Zuccatelli: "Perché il commissario calabrese resterà al suo posto", italiani presi in giro?

  • a
  • a
  • a

Fa ancora discutere Giuseppe Zuccatelli, il neo commissario alla Sanità calabrese che, appena nominato, è finito nell'occhio del ciclone. Tutto ha avuto inizio con un video che lo ritrae pronunciare parole alquanto discutibili come "la mascherina non serve a un ca***" o "per prendere il Covid bisogna baciarsi per 15 minuti". A dire la sua, in collegamento con Tagadà su La7, è Paolo Mieli. "La Calabria assieme al Molise è l'unica Regione ad avere un commissario per la Sanità, c'è da impazzire". 

 

 

Il fu direttore del Corriere della Sera non ha dubbi e si lascia andare a una profezia in collegamento con Tiziana Panella: "Il signore del bacio in bocca rimarrà al suo posto se resiste fino a lunedì prossimo. Se resiste ancora un po' ce l'ha fatta, gli italiani dimenticano. Il suo predecessore si è dimesso in 24 ore, lui no". Il riferimento di Mieli è a Saverio Cotticelli, altro commissario costretto alle dimissioni perché sorpreso dalla Rai a non essere a conoscenza di dover redigere il piano anti-Covid.

 

 

Dai blog