Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Berlusconi: pronta la richiesta per 2 settimane in Sardegna

simone cerroni
  • a
  • a
  • a

L'estate è finalmente arrivata e, nonostante il clima ancora un po' incerto al Nord, c'è voglia di spiaggia. Grosse fughe nel fine settimana dalle regioni non bagnate dal mare alla volta delle belle spiagge. Nell'esercito di italiani che si godono il mare, vorrebbe esserci anche Silvio Berlusconi, costretto a stare a Milano per scontare la pena per il processo Mediaset ai servizi sociali. L'ex premier non può lasciare il capoluogo lombardo se non per recarsi a Roma dal lunedì al giovedì ma deve rientrare a Palazzo Grazioli entro le 23,30. Stesso limite di orario previsto anche per gli spostamenti al Nord. Il Cav non vuole però passare l'estate nella bolla d'afa della sua città natale e così ha chiesto ai suoi avvocati di fare domanda per due settimane di vacanza in Sardegna. La fuga estiva - La situazione ora rimane in bilico, e la decisione spetterà al giudice di sorveglianza Beatrice Crosti. Così Berlusconi, almeno per quest'anno, sarebbe costretto a cambiare spiaggia e mare. Anzi, al posto di villa Certosa, residenza sarda dell'ex premier, sarà costretto a alcuni bagni in piscina. Chi gli è vicino sostiene che Beatrice Crosti gli ha già detto, martedì, che quest'anno può scordarsi la Costa Smeralda: una proibizione che Silvio vive come un affronto, l'ennesima umiliazione. Il suo amico avvocato Niccolò Ghedini, invece, offre al Fatto quotidiano un'altra versione: "Martedì il presidente non ha parlato di vacanze con il giudice Crosti. Nei prossimi giorni, però, faremo una richiesta formale, per chiedere che possa trascorrere un periodo nella sua residenza in Sardegna". La procedura - Il Cavaliere per ottenere la fuga in Sardegna deve, tramite i suoi avvocati, presentare una domanda scritta al giudice di sorveglianza, nel caso voglia modificare le condizioni previste dall'ordinanza di affidamento. A quel punto nel caso in cui il giudice accetta la richiesta dovrà rispondere con una modifica dell'ordinanza in cui verrà temporaneamente, inserito il nuovo indirizzo. "Chiederemo che possa stare a villa Certosa per otto giorni, due settimane", specifica Ghedini. “Se poi ci diranno di no, non ne faremo una tragedia".

Dai blog