Cerca

I nostri soldi

Pensioni, dai professionisti ai dirigenti: ecco chi rischia l'assegno

10 Agosto 2018

12
Pensioni, dai professionisti ai dirigenti: ecco chi rischia l'assegno

La rivoluzione del governo giallo-verde sulle pensioni colpirà prima i comuni cittadini che percepiscono un assegno dall'Inps. Poi toccherà a chi ha ricoperto ruoli negli organi di rilevanza costituzionale (vedi il taglio dei vitalizi alla Camera) e infine alle pensioni erogate dalle casse private.  


C'è un provvedimento depositato al Senato da Lega e M5s, riporta il Giornale, che prevede di ricalcolare con il metodo contributivo anche gli assegni delle casse previdenziali private, cioè di medici, ingegneri e architetti, commercialisti e di altre categorie professionali come periti industriali, psicologi e giornalisti.

Il metodo è questo: le pensioni erogate a partire dal 2019 dovrebbero essere ricalcolate su base contributiva nella parte eccedente gli 80mila euro lordi. I trattamenti in essere, invece, saranno ricalcolati su base contributiva sia per coloro che hanno beneficiato del sistema misto (retributivo+contributivo) che per quelli interamente retributivi. I più penalizzati saranno quelli che si saranno ritirati dall'attività lavorativa prima dei 60 anni. Possono stare tranquilli solo quei circa 500mila pensionati che percepiscono una pensione interamente contributiva. Ossia il 3,1% degli oltre 16 milioni di pensionati italiani. "Cosa faremo con il taglio di almeno 158mila pensioni d'oro? Risparmieremo mezzo miliardo di euro all'anno che useremo per alzare le pensioni minime e sociali. Da settembre via un privilegio e restituiamo un diritto. Basta pensioni d'oro!", ha spiegato Francesco D'Uva, il capogruppo M5s alla Camera.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • apostrofo

    11 Agosto 2018 - 12:12

    Si era parlato della riduzione della pensione ai politici con 5 anni di mandato in Parlamento e di relativi versamenti che arrivavano a prendere una pensione pari a quella di chi aveva lavorato e versato 35- 40 anni di contributi. Invece rivoltano la frittata, come purtroppo prevedibile, cominciando dai comuni cittadini, prendendo come base l'età di pensionamento e non di contributi versati

    Report

    Rispondi

  • gianni modena

    11 Agosto 2018 - 08:08

    dove e' il diritto di chi non ha mai lavorato e mai pagato tasse oer la pensione ?? non c'e' nessun diritto questi totalmente scemi vogliono togliere s chi hs diritto per dare a chi non ha diritto . si totalmente scemi e mi meraviglio di salvini che vuole fare i legalitarioe avlla un furto

    Report

    Rispondi

  • Gianchi1955

    11 Agosto 2018 - 07:07

    A loro serve poco tagliare 100.000 pensioni oltre 4000 euro per fare cassa taglieranno 5 milioni di pensioni da 1000 euro

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media