Cerca

Da censura

Valentina Pavan, l'assessore di sinistra: "Salvini, per tua fortuna la sedia elettrica non esiste più"

12 Settembre 2018

5
"Sei fortunato che la sedia elettrica non esiste, signor ministro", bufera sull'assessore del centrosinistra

"Sei fortunato che la sedia elettrica è stata abolita, signor ministro". È subito bufera dopo l'infelice frase di Valentina Pavan, assessore all'Istruzione del comune di San Stino (Venezia, eletta in una lista civica di centrosinistra), rivolta al ministro dell'Interno Matteo Salvini. La Pavan rispondeva così al video pubblicato su Facebook, in cui il leader del Carroccio leggeva l'avviso di garanzia della Procura di Palermo sul caso della nave Diciotti. "Indagato per sequestro di immigrati? Scopriamolo insieme" esortava Salvini.

L'assessore ha lanciato il sasso e nascosto la mano, perché dopo poco il commento è stato rimosso. Però al ministro è bastato quel poco tempo per uno screenshot e per generare reazioni sdegnate da parte di tutta la Lega. Primo fra tutti a denunciare l'accaduto, il vicepresidente della regione Veneto, Gianluca Forcolin. Risposta diversa, invece, quella del Sindaco del Comune di centrosinistra Matteo Cappelletto: "Mi pare si stia montando un caso sul nulla. Un commento fuori luogo sicuramente, ma che nulla ha a che vedere con il lavoro e l'impegno dell'assessore. Se ci si appiglia su questo significa che a San Stino problemi più gravi non ce ne sono e la Lega non sa dove parare".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Damm a trà

    Damm a trà

    13 Settembre 2018 - 13:01

    Vilipendio contro un ministro della Repubblica votato dagli italiani.

    Report

    Rispondi

  • A.MORRENI

    A.MORRENI

    13 Settembre 2018 - 10:10

    Che venga rimossa dall' incarico !

    Report

    Rispondi

  • dario.rubes

    12 Settembre 2018 - 17:05

    Non capisco tutto 'sto can can. A me è sembrata un' ottima battuta... soprattutto vera

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media