Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Silvio Berlusconi, la fucilata dal suo fedelissimo: "Uscire da Forza Italia? No, tanto è già morta"

Cristina Agostini
  • a
  • a
  • a

Fra tre settimane ci sarà la presentazione del movimento L'Italia in crescita di Giovanni Toti. L'obiettivo del governatore ligure è di convincere l'elettorato di Forza Italia e tutti gli azzurri delusi ad abbandonare Silvio Berlusconi e di sposare il nuovo progetto che può diventare la seconda forza della futura coalizione di centrodestra a trazione Lega. Riporta il Tempo che all'invito di Toti rispondono subito tre consiglieri regionali del Lazio di FI (il capogruppo Antonello Aurigemma, Adriano Palozzi e Pasquale Ciacciarelli) e il vicecoordinatore de gli Enti locali del partito Mario Abbruzzese. Potrebbero partecipare anche il senatore e coordinatore regionale Claudio Fazzone e il consigliere regionale Pino Simeone. Leggi anche: Forza Italia crolla all'1,3 per cento. Analisi del voto: Berlusconi, una catastrofe nel suo feudo I quattro dicono che non si tratta di un vero e proprio addio a Forza Italia - "non si può uscire da un partito già morto" - ma un modo per chiedere a Berlusconi riforme strutturali per fermare il crollo di consensi: "Servono decisioni immediate, altrimenti tra qualche mese il partito non ci sarà più". E ancora: "Vogliamo indicare regole certe che possano consentire di determinare con le primarie la scelta dei coordinatori", spiegano. E "Toti è un autorevole esponente del partito e come dirigenti politici di FI andiamo a sentire cosa ha da dire. Ben vengano momenti di confronto come questo. Chi pensa il contrario dimostra di essere chiuso in un fortino da abbattere". 

Dai blog