Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Maria Giovanna Maglie guida la rivolta: "Lega verso il 40%, evidentemente...", voto subito

Caterina Spinelli
  • a
  • a
  • a

"Il 72% degli italiani vuole andare a votare, i sondaggi danno alla Lega il 38,9% che marcia trionfalmente verso il 40%. Evidentemente le questioni politiche leghiste continuano a piacere". Maria Giovanna Maglie difende l'operato di Matteo Salvini, lo fa come ospite in studio alla puntata dell'Aria che tira di venerdì 2 agosto. E, tra le righe, torna ad invocare il ritorno alle urne, che ha più volte sostenuto esplicitamente sui social, dove ha messo in guardia circa la "rabbia del popolo" a cui il sistema potrebbe impedire il ritorno al voto. Leggi anche: Maglie: "Questo Paese è in una fase di svolta" Dunque, la Maglie fa il punto sui temi che riempiono il dibattito politico. "Non parliamo solo di navi, ma di autonomia, tasse, giustizia. Io finalmente sento parlare di cose che se approvate renderebbero il Paese un po' più civile - rimarca la giornalista -. Io dico che la giustizia e la malagiustizia riguarda tutti. L'Italia riesce ad avere il massimo di lassismo e il massimo di giustizialismo insieme, è intollerabile. Oltretutto nel nostro Stato è legittimo evadere, non parlo di ricchi, ma di persone comuni. Su questo si gioca tutto, fanno bene i partiti a prendere posizioni ferme. Forza Italia lo fa da tempo".  Le dichiarazioni della giornalista ex Rai arrivano a ridosso della decisione leghista di non votare a favore della riforma della Giustizia proposta dal grillini. "Riforma vuota e inutile": così la ha liquidata il titolare del Viminale. Mentre sulla questione tasse, il braccio di ferro tra Di Maio e Salvini continua ancora, con le schermaglie delle ultime ore che hanno visto il leader del Carroccio evocare la crisi del governo. 

Dai blog