Cerca

Parla l'esperto

Giuseppe Conte, i sondaggi sul suo partito: se si allea con il Pd fanno il botto, con Di Maio un disastro

14 Agosto 2019

1
Giuseppe Conte, i sondaggi sul suo partito: se si allea con il Pd fanno il botto, con Di Maio un disastro

Dopo il partito di Renzi, torna in pista anche il partito di Giuseppe Conte. Oltre la crisi, ci potrebbero essere il voto anticipato e un nuovo assetto elettorale, per questo anche i sondaggisti riprendono in mano i dati sulla lista del premier di cui molto si sta parlando da qualche mese.



Lo stesso Conte pare non contenere più la propria ambizione personale, ma c'è un problema. Con chi andare a braccetto. Secondo Antonio Noto, esperto intervistato dal Quotidiano nazionale, il suo partito personale varrebbe oggi il 12% ma si alleasse con il Movimento 5 Stelle sarebbe un mezzo fallimento. O meglio: "Non darebbe alcun valore aggiunto". Come dire: voti grillini che restano in casa. Potrebbe spostare gli equilibri, invece, se formasse un asse con il Pd: "In questo caso, in uno scenario di fantapolitica, Pd e Conte potrebbero arrivare a circa il 33%". Mica male. E Matteo Renzi? Numeri ben più miseri: "Prima delle Europee avevo calcolato che potesse intercettare il 5% dei consensi. Oggi il contesto è diverso: non si tratterebbe più di un nuovo soggetto politico, ma di una scissione dei gruppi parlamentari del Pd e, quindi, potrebbe valere anche meno".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Happy1937

    14 Agosto 2019 - 15:03

    Solo in Italia un cialtrone puo’ ricevere tanto consenso.

    Report

    Rispondi

Liguria, i vigili del fuoco soccorrono un escursionista in difficoltà su una parete rocciosa

Crisi di governo, parla Giovanni Tria: "I conti sono a posto. La legge di bilancio si può fare"
Gianluigi Paragone si schiera con Alessandro Di Battista: "Il Pd mostra la solita spocchia". M5s spaccato
Incendi in Amazzonia, le immagini aeree delle zone devastate. Terrificante

media