Cerca

Sbarchi

Pietro Senaldi: "Pd e Leu si suicidano sui migranti"

14 Settembre 2019

1
Pietro Senaldi: "Pd e Leu si suicidano sui migranti"

Se la sinistra è crollata nei consensi negli ultimi anni non è perché Renzi è antipatico, come vogliono far credere i suoi nemici nel Pd e quanti li sostengono. I dem sono precipitati perché nei sette anni in cui hanno governato si sono fatti travolgere dalla crisi economica e dall' invasione degli immigrati. Anziché provare a gestire le due questioni, la sinistra si è consegnata all' Europa, dalla quale si è fatta dirigere. Naturalmente, gli Stati Ue che contano, Germania e Francia, hanno pensato ai propri interessi e non ai nostri; quindi, da una parte hanno salvato le loro banche, lasciando fallire quelle italiane e girando il conto ai risparmiatori truffati, dall' altra ci hanno abbandonati nella gestione dei profughi, arrivando perfino a sospendere il Trattato di Schenghen affinché nessun migrante potesse uscire dal Bel Paese.

Questo ha fatto sì che in Italia montasse un profondo risentimento verso le classi dirigenti della sinistra, genericamente ed erroneamente definito odio anti-casta. Era più semplicemente la sensazione di inadeguatezza e distanza dalla realtà che la sinistra ha ha suscitato nei cittadini, i quali hanno cominciato a realizzare che i governi dem avevano arricchito i ricchi e lasciato indietro tutti gli altri, dando in più la sensazione di occuparsi più dei poveri immigrati che dei poveri italiani, che intanto aumentavano.

Per approfondire leggi anche: DiMartedì, Senaldi attacca Bersani

Le persone erano terrorizzate dalla crisi, dalla mancanza di lavoro e dall' enorme flusso di disperati dal mare e la sinistra provava a convincerle che gli immigrati fossero delle risorse e ci avrebbero salvato e che gli arrivi non fossero arginabili. Come a dire: meglio gli africani di voi. Inevitabilmente il 4 marzo 2018 gli elettori hanno punito il Pd votando M5S per bocciare la casta e tornare allo Stato assistenziale e Lega per fermare gli immigrati e avere meno tasse.
gestione fallimentare Subito si è capito che i grillini non erano all' altezza del compito e pertanto i consensi si sono spostati su Salvini. Matteo ha avuto il merito di scegliere per sé il ministero dell' Interno e di imbroccare la politica migratoria, riducendo sbarchi e morti in mare, combattendo ong e scafisti e dando la sensazione che al governo ci fosse finalmente qualcuno intenzionato a fermare gli ingressi di clandestini. Pd e Leu non hanno capito la lezione e per 14 mesi hanno insultato il leader leghista, dandogli del razzista, mentre l' 89% degli italiani ne condivide la linea.

Una volta tornata al governo nel modo in cui tutti sappiamo, la sinistra ha iniziato a ripetere gli errori che l' hanno affossata. Zingaretti, Veltroni, Bersani e Letta hanno dichiarato di voler aprire tutti i porti, introdurre lo ius soli e riavviare la macchina dell' accoglienza che piace alla Chiesa, alle ong e alle cooperative che fanno affari con i migranti, nonché agli scafisti.
A parole il Pd riconosce - e come potrebbe fare diversamente?- che la sua gestione dell' immigrazione è stata un fallimento. Però, anziché scusarsi e farsi umilmente da parte, la sinistra la rivendica nuovamente per sé, per di più con arroganza. L' effetto immediato è stato che la Lega, dopo un piccolo calo dovuto alla difficoltà di Salvini nello spiegare perché era uscito dal governo senza riuscire a ottenere nuove elezioni, è risalita nei sondaggi. Prevedibile: non c' è come lasciar governare M5S e Pd per suscitare nei più la nostalgia per il leader leghista.

Senza identità - Delirante la proposta dell' ex premier Enrico Letta, quello che ha trasformato Lampedusa in un campo profughi a cielo aperto. Egli auspica di sottoscrivere, proprio sull' isola simbolo dell' abbandono dell' Italia da parte della Ue, un trattato europeo per la distribuzione degli arrivi. Il prode piddino non si preoccupa di arginare il flusso di arrivi, creare le condizioni perché gli africani non abbandonino e lascino morire il loro continente, che è grande tre volte l' Europa, e ospitare, come fanno tutte le nazioni civili, solo una quota selezionata di immigrati l' anno, quella necessaria all' economia degli Stati. No; lui è impegnato a lanciare un nuovo spot delle frontiere aperte a tutti i disgraziati del mondo: «Venite in Europa, in qualche modo vi distribuiamo tutti, un po' di qua, un po' di là». Enrico sta sereno dopo la sua pensata, ma lui ci è abituato. Noi no, e non vorremmo lasciare il posto a qualcun altro come ha fatto lui.
Dopo anni di studi e lezioni a Parigi, Letta si sente non più pisano, ma international. Si è anche scagliato contro la Commissione per la Difesa dello stile di vita europeo, voluta dalla Von der Leyen.
«Questo proprio no», ha twittato come fosse il demonio. Ma senza uno stile di vita, e quindi una cultura comune, l' Europa resterà sempre un' unione economica di Paesi sull' orlo del fallimento che si fanno concorrenza tra loro mentre il resto del mondo fa i soldi.
Con il più forte che picchia il più debole. Imbevuti di multiculturalismo, Letta e il Pd queste cose non le capiscono più. Sognano un' Europa dalle frontiere ininterrottamente aperte e senza identità, dove tutti sono diversi e quindi uguali. Stanno facendo i conti senza l' oste: le persone non vogliono questo, e i primi a non votarli sono proprio gli extracomunitari riusciti a diventare cittadini.

di Pietro Senaldi

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • agosvac

    15 Settembre 2019 - 16:04

    L'ho sempre detto e non mi stancherò mai di dirlo: sui migranti fasulli il PD ha perso nel 2018 e per i migranti fasulli perderà anche questo Governo. L'unica cosa certa che gli italiani non vogliono ASSOLUTAMENTE è essere invasi dagli islamici africani o asiatici che siano!!!

    Report

    Rispondi

media