Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Vittorio Feltri a Dritto e Rovescio su Matteo Renzi: "Non lo voterei mai, ma tanto scemo non lo è"

Davide Locano
  • a
  • a
  • a

No, Matteo Renzi non deve essere sottovalutato. E, forse, neppure "sfottuto" più di troppo. È questa la sintesi del pensiero di Vittorio Feltri, che ha detto la sua sul fondatore di Italia Viva nel corso di Dritto e Rovescio, il programma condotto da Paolo Del Debbio su Rete 4. Interpellato sull'ex premier, il direttore di Libero ha risposto: "Lo hanno sfottuto per più di un anno, ma io constato che lui con una mossa sola ne ha fatti secchi quattro. Tanto scemo non deve essere - rimarca il direttore -. Certamente io non lo voterei mai, però l'uomo indubbiamente ha una sua astuzia. E di fronte all'abilità e all'astuzia io mi inchino. È riuscito a far secco Salvini, Conte, Di Maio e Zingaretti. Oggi non so cosa sia in grado di fare, però li sta tenendo... basta il gesto... li tiene per le palle", ha concluso Vittorio Feltri. Leggi anche: "Fessi a fidarci di Erdogan": l'analisi di Vittorio Feltri Di seguito, l'intervento di Vittorio Feltri a Dritto e Rovescio: "@matteorenzi l'hanno sfottuto per più di un anno, ma devo dire che con una mossa sola ne ha fatti fuori quattro: Salvini, Conte, Di Maio e Zingaretti" Siete d'accordo con @vfeltri? Ora a #DrittoeRovescio pic.twitter.com/cYxAC7XDTt— Dritto e rovescio (@Drittorovescio_) October 10, 2019

Dai blog