Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Vittorio Feltri sui conti pubblici: "Vanno male perché i politici sono più cretini dei cittadini"

Esplora:

Caterina Spinelli
  • a
  • a
  • a

Vittorio Feltri torna all'attacco dell'intera categoria dei politici. "I conti pubblici vanno male, ma quelli privati sono i migliori d'Europa. È la prova che i politici sono più cretini dei cittadini". Non è una novità d'altronde. Tempo addietro il direttore di Libero se l'era presa con i colleghi di via Solferino proprio per questo. O meglio, per un titolo ben preciso. Leggi anche: Feltri sulla manovra: attacco totale alla politica "Il Corriere della Sera ha titolato così: 'L'Italia è ferma, serve una svolta'. Forse ignorano che è immobile non da una settimana bensì da venti anni venti. I nostri conti non solo sono fermi, peggiorano ogni dodici mesi perché l'economia, boicottata da governi idioti, non cresce". Sono loro secondo Feltri, "i veri imbecilli patentati". I conti pubblici vanno male, ma quelli privati sono i migliori d'Europa. É la prova che i politici sono più cretini dei cittadini.— Vittorio Feltri (@vfeltri) October 17, 2019

Dai blog