Cerca

L'analisi

Bruno Vespa: "Maggioranza divisa, l'asse Renzi-Di Maio contro Conte-Zingaretti. Ma occhio a Salvini"

19 Ottobre 2019

0
Bruno Vespa: "Maggioranza divisa, chi sta con chi. Lo strano gioco delle alleanze"

L'opposizione dentro la maggioranza sulla manovra è "un guaio serio". Da un lato, scrive Bruno Vespa nel suo editoriale su Il Giorno, "si è creato l'asse Renzi-Di Maio che vuole smontare la manovra e rivedere gran parte delle norme controverse (e Conte ovviamente si rifiuta). Dall'altro un asse Conte-Zingaretti per contenere gli assalti del giovane ex premier che oggi alla Leopolda battezza il suo movimento". In questo scenario, continua il direttore di Porta a porta, "il Convitato di Pietra" è Matteo Salvini. Il leader della Lega, infatti, da piazza San Giovanni a Roma, vuole "dare lo sfratto alle maggioranze pro tempore".

Rivela poi un clamoroso dietro le quinte dopo lo scontro storico a Porta a porta tra i due Matteo, "Renzi e Salvini si sono salutati con molta cordialità. Hanno infatti l'obiettivo comune di mandare a casa il presidente del consiglio. Salvini per andare ad elezioni, Renzi per eliminare un pericoloso concorrente come candidato premier. Renzi non vuole votare: è ancora troppo debole e tenta Di Maio con l'esca di palazzo Chigi al posto di Conte".

Occhio però, perché "Zingaretti non è sciocco. Se Renzi facesse cadere il governo, chiamerebbe lui le elezioni con Conte candidato premier. I casi della vita: Di Maio impose Conte a Zingaretti che ora lo difende anche dalle insidie di Di Maio". 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Open Arms, il video propaganda dopo l'indagine contro Matteo Salvini

Giuseppe Conte
Venezia, ecco come sarà il Mose una volta completato: immagini sorprendenti
Salvini ironizza su Zingaretti: "Dopo la riproposta dello Ius soli si è preso i 'vaffa' pure dagli alleati"

media