Cerca

Messaggio tra le righe

Matteo Renzi sfratta Giuseppe Conte e ricatta il Pd: "Se vogliono tornare al voto, ognuno per sé"

8 Novembre 2019

2
Matteo Renzi sfratta Conte e ricatta il Pd: "Se vogliono tornare al voto, ognuno per sé"

"Un suicidio tornare al voto". Matteo Renzi, intervistato da Repubblica, sfiora il sublime (o sfonda il muro del ridicolo, dipende dai punti del vista", invitando il Pd a "pensarci bene", e ricordandogli, lui autore giusto un paio di mesi fa della scissione di Italia Viva, che "da separati si perde tutto". 



Il refrain dell'ex premier, oggi leader di IV, è il solito: "La legislatura deve arrivare al 2023 e senza nuove tasse oppure sarà disfatta in Regioni e collegi". Poi però non perde l'occasione di sfrattare Giuseppe Conte: "Oggi lo aiutiamo, del doman non v'è certezza". Quella che vorrebbe essere una battuta, nasconde le bellicose intenzioni di Renzi: far fuori il premier, alla prima occasione utile, quando l'avvocato non reggerà più al gioco al massacro dei cosiddetti "alleati".

La tesi dell'uomo di Rignano è piuttosto suggestiva. Non passa giorno senza massacrare il governo, Conte, la manovra. Ma poi accusa il Pd: "Se vuole votare, lo dica. Se i parlamentari del Pd hanno deciso di andare contro il muro hanno il dovere di comunicarlo al Paese e palesarlo in Aula. Per me è una follia, un suicidio di massa". Di fatto, ammette che l'unica motivazione plausibile per tenere in vita il governo e la maggioranza è "votare nel 2023, alla scadenza naturale, dopo aver eletto il nuovo Presidente della Repubblica". Il resto ("Abbassare il costo degli interessi a 50 miliardi, erano 77 miliardi l'anno quando sono arrivato a Palazzo Chigi, per incidere in Europa, per costruire l'alternativa al sovranismo no euro") sembrano solo promesse al vento. Ma, ricorda ancora, "se qualcuno pensa di fare come in Umbria anticipando le elezioni, faccia pure: con questa scelta si perdono tutti i collegi uninominali e si causano sonore sconfitte in Emilia Romagna, Toscana e Lazio. Non so che nome dare a questa ipotesi politica: in psicologia si chiama masochismo". E in caso di urne anticipate, è la minaccia, "ognuno andrà per la propria strada". 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gigi0000

    08 Novembre 2019 - 18:06

    Chi vorrebbe votare subito, o comunque presto, si rende conto dell'impatto che tale operazione avrebbe sui conti e sulla credibilità dello stato? Un nuovo governo sovranista quali simpatie internazionali troverebbe? Chi mai appoggerebbe l'Italia in mano a banderuole che prima dichiarano di voler uscire dall'Euro, che non partecipano alle riunioni europee, che si dichiarano apertamente contro tutti

    Report

    Rispondi

  • Marcer

    08 Novembre 2019 - 15:03

    Andare separati conviene più ai pidioti che a finocchietto.

    Report

    Rispondi

Dear Jack, il cane del chitarrista canta meglio di tanti cantanti vip / Video

Andrea Orlando, dal Pd ultimatum a Di Maio: "O fai sul serio o lasciamo perdere"
Gilet Gialli, caos a Parigi: assaltata una banca in occasione dell'anniversario dell'inizio della protesta
Venezia e Conte "sott'acqua". Camera con Vista, cos'è successo questa settimana

media