Cerca

emorragia piddina

Matteo Renzi prosciuga Nicola Zingaretti: altri otto consiglieri passano a Italia Viva

12 Novembre 2019

2
Matteo Renzi prosciuga Nicola Zingaretti: altri otto consiglieri passano a Italia Viva

Non bastava aver dato vita alla scissione poco dopo la formazione del governo, Matteo Renzi mette il dito nella piaga del suo ex partito. Dopo essersi ritrovato al governo con i Cinque Stelle come alleati, il Pd deve fare i conti con l'emorragia interna. L'ex premier, con il suo addio, si è "rubato" numerosi sostenitori di Nicola Zingaretti. Tra gli ultimi ci sono otto consiglieri di Palermo che insieme passano a Iv, rendendola la prima forza politica presente in consiglio comunale. 

Il maxi schieramento renziano sarà così composto: a Sala delle Lapidi ci saranno gli ex piddini Francesco Bertolino, Dario Chinnici, Carlo Di Pisa, più Sandro Terrani (proveniente da Mov139). Mentre il gruppo di Sicilia Futura assumerà la denominazione di "Sicilia Futura per Italia Viva" e sarà formato da Gianluca Inzerillo, Caterina Meli, Giuseppina Russa e Ottavio Zacco. "Italia Viva - fanno sapere attraverso una nota - si dimostra la vera novità del panorama politico nazionale. Un progetto innovativo e capace di attrarre donne e uomini che hanno voglia di buona politica e rifiutano le false ricette dei populisti". Ma gli arrivi non sono finiti: "Sempre più amministratori locali stanno infatti aderendo a un soggetto che riparte dai territori e dai quartieri per recuperare il contatto diretto con i cittadini e farli tornare protagonisti". E così il desiderio di Renzi di tenere in pugno i giallo-rossi con i suoi numeri si fa sempre più reale. 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Carlito58

    12 Novembre 2019 - 19:22

    è solo il PD che stà facendo la muta ...... la fà sempre .. dopo un decennio di disastri ... quando non lo votano più (questo è grossomodo il tempo che ci impiegano gli italiani a capirlo) .... e tra poco ricomincerà come prima .. ma con un nome diverso ... e nuovi voti.

    Report

    Rispondi

  • chimangio

    12 Novembre 2019 - 16:11

    Possiamo solo pensare che Zingaretti fosse già d'accordo con Renzi per dargli il tempo di costituire il proprio partito. Non si spiega diversamente l'ostinazione con cui Zingaretti sostiene un governo negativo per il PD. Il PD andando al voto otterrebbe due vantaggi: ridurrebbe ai minimi termini il M5s e non darebbe a Renzi la possibilità di costituire un partito. Ma forse è già tardi.

    Report

    Rispondi

Matteo Salvini da Bechis: "Conte in gita a Londra mentre l'Ilva affonda"

Plastic e sugar tax, Vittorio Cino (presidente Assobibe): "Per noi sono una rovina, il governo ci ripensi"
Governo, Nicola Zingaretti: "Ora basta polemiche, scommettiamo di più sulla manovra"
Regionali, Matteo Salvini: "In settimana incontro con Silvio Berlusconi, dobbiamo farci trovare preparati"

media