Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Silvia Romano? Non solo, il conto per 20 anni di Ong: 30 milioni in riscatto

  • a
  • a
  • a

I servizi segreti avrebbero pagato nel corso degli anni e dei sequestri attorno ai 30 milioni di euro. Lo scrive il Giornale citando gli ex ostaggi italiani delle Ong finiti sotto sequestro all'estero in mano ai terroristi. Sono stati tredici per una media di oltre 2 milioni di euro a testa. Per fare tornare a casa Silvia Romano dalla Somalia il riscatto varia, a seconda delle fonti, da 1 milione e 200 mila euro a 4 milioni. Il rilascio delle due Simone (Pari e Torretta) rapite in Iraq nel 2004 sarebbe costato 4 o 5 milioni di dollari.

 

 

Quattro anni dopo finiscono in ostaggio in Somalia altri due cooperanti, Giuliano Paganini e Jolanda Occhipinti.  In questo caso sarebbero stati pagati solo 700mila dollari. Le richieste dei rapitori jihadisti dell'Africa orientale si alzano nel 2011 con il sequestro di Rossella Urru e due volontari spagnoli. Si è parlato di un riscatto di 10 milioni di dollari. Sempre lo stesso anno viene preso in ostaggio nel Sud Sudan il volontario di Emergency, Francesco Azzarà. Il pagamento di un riscatto è come sempre smentito, ma un quotidiano sudanese ha pubblicato la modesta richiesta dei rapitori di 180mila dollari. Un anno dopo finiscono nei guai Paolo Bosusco e Claudio Colangelo catturati in India da una banda armata maoista. Colangelo sostiene, al rientro in Italia: "Nessun riscatto pagato. La mia liberazione è stata un' iniziativa dei sequestratori", ma non aggiunge altro. Nel 2015 per Greta Ramelli e Vanessa Marzullo si parla di un riscatto record che varia da 6 a 12 milioni e mezzo di dollari. 

Dai blog