Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Marco Travaglio, Andrea Romano dopo gli insulti a Giorgio Gori: "Il campione dei picchiatori a mezzo stampa"

  • a
  • a
  • a

Un'eccezione, per Marco Travaglio. Già, oggi il direttore del Fatto Quotidiano non si è speso nell'insulto a Matteo Salvini o Silvio Berlusconi, ma a Giorgio Gori. Ribattezzato Giorgio Covid. Uno schifo assoluto. Roba che soltanto Marco Travaglio. Il sindaco di Bergamo, la città in assoluto più piagata dal coronavirus, ribattezzato col nome della pandemia. Uno sfregio non solo al sindaco ma a tutte le vittime di Bergamo. Un vergognoso insulto che piove perché Gori sta spingendo per cambiare la leadership nel Pd e sostituire Nicola Zingaretti, minando così il futuro dell'esecutivo giallorosso di cui Travaglio è pasdaran e guardiano. E tra le varie reazioni suscitate dal commento di Travaglio, ecco piovere anche quella di Andrea Romano, del Pd: "Travaglio non si smentisce mai. Il campione dei picchiatori a mezzo stampa, oggi randella Giorgio Gori: mescolando vita privata, percorso professionale e politica. Ma le randellate dei picchiatori sono medaglie, ieri e oggi. Un abbraccio a Giorgio", conclude Andrea Romano.

 

 

Dai blog