Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Marco Minniti, l'ex ministro Pd preoccupato per gli scontri di Napoli: "Si rischia la polveriera sociale"

  • a
  • a
  • a

 Marco Minniti è preoccupato per gli scontri di Napoli. "È stato un attacco eversivo. Quando dei gruppi organizzati assaltano proditoriamente le forze di polizia è già in sé drammatico. Se poi questo avviene in una fase di emergenza estrema c'è una sola parola per descrivere l'accaduto: eversione.  Secondo l'esponente pd ex ministro dell'Interno c'è il rischio di una polveriere sociale: "Con rischi enormi per l'ordine pubblico. Dobbiamo evitare assolutamente che le mafie cavalchino la tensione esistente, alimentando da un lato il malcontento, e dall'altro sostituendosi alle istituzioni, facendosi in maniera distorta Stato".

 

 

Un altro dato allarmante è quello che a Napoli hanno sfilato commercianti spaventati dal futuro, malavita, Forza Nuova e centri sociali: "Sono le prove tecniche di quello che può diventare un disegno eversivo, proprio perché si incrocia con la rabbia sociale. Capisco l'angoscia del ristoratore che si vede dimezzare gli introiti per il coprifuoco, e dico che va risarcito immediatamente, altrimenti i conti del patto che lo Stato fa con lui per tenere a bada la pandemia non tornano. Il punto è che il coprifuoco lo decide la Regione, ma il risarcimento lo deve dare lo Stato. E qui esplode la contraddizione".  Minniti boccia, con riserva il suo governo: "Impreparato? Quasi tutti i Paesi europei hanno sottovalutato la forza della seconda ondata. Gli italiani hanno comunque fornito nella prima fase una straordinaria prova di maturità, è un patrimonio che non va disperso. Una grande democrazia parla ai cittadini esasperati e isola gli eversori", conclude Minniti.

Dai blog