Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Giuseppe Conte, retroscena Dagospia: "Soprammobile che non sporca". Snobbato dalle segreterie, mollato dal Quirinale? Lo scenario

  • a
  • a
  • a

"Un soprammobile che non sporca". Ecco secondo Dagospia in che considerazione è tenuto Giuseppe Conte in Europa. L'elezione del democratico Joe Biden negli Usa è solo il primo campanello d'allarme per il premier italiano, suggerisce un piccantissimo Dago-report tutto dedicato a Palazzo Chigi.
 

 

 

"Per la prima volta - si legge - molti esponenti del Nazareno stanno prendendo in considerazione la caduta del governo Conte". Motivo? Il riallineamento internazionale: "Il vertice sul terrorismo e l'immigrazione convocato da Macron, presenti Merkel, Ursula, Rutte, Kurz, lo ha lasciato a casa a pittarsi il ciuffo e a pettinare le bambole", sottolinea a proposito del premier, tenuto sempre più in poco conto dalle segreterie che pesano. Se a questo scenario si aggiunge lo smottamento interno, con i segnali reciproci tra Nicola Zingaretti e Silvio Berlusconi e un Luigi Di Maio di nuovo all'assalto del M5s, al premier potrebbe venire meno anche l'unica sponda che fin qui lo ha tenuto in piedi, a discapito di tutto e di tutti: quella del presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Dai blog