Cerca

AZIENDE HEALTHCARE

Una sede italiana della Seqirus
inaugurata in provincia di Siena

Un’espansione guidata dalla crescente domanda di vaccini Seqirus in Italia, oltre che dal recente lancio del vaccino quadrivalente su coltura cellulare. Confermando e rafforzando il proprio ruolo in Toscana e nel Belpaese

23 Luglio 2019

0
Russel Basser

Russel Basser

È stata inaugurata a San Martino, frazione di Monteriggioni nel senese, la sede italiana di Seqirus, multinazionale australiana attiva nella prevenzione dell’influenza. Una espansione guidata dalla crescente domanda di vaccini Seqirus in Italia, oltre che dal recente lancio del vaccino quadrivalente su coltura cellulare. I nuovi uffici sono stati inaugurati con il taglio del nastro alla presenza delle autorità locali e di altri stakeholder dell’azienda. Maura Cambiaggi, general manager di Seqirus Italia, Russell Basser, direttore scientifico di Seqirus ed Emanuele Montomoli, professore all’Università di Siena e fondatore di VisMederi - società con cui Seqirus ha stipulato un accordo di collaborazione a partire dal 2018, hanno preso parte come relatori alla cerimonia, prima di partecipare insieme agli ospiti ad una visita dei nuovi spazi aziendali.

“Sono orgogliosa di inaugurare questa nuova e bellissima sede per la nostra azienda - ha commentato Maura Cambiaggi - Non si tratta, infatti, solo di un edificio ma della conferma dell’impegno di Seqirus nel nostro Paese, non solo in termini di presenza commerciale, ma soprattutto di impegno quotidiano nella lotta all’influenza”. Seqirus è attiva in Italia a partire dal 2015 quando CSL Limited - una delle principali multinazionali in ambito biotecnologico con sede in Australia - ha acquisito il business dei vaccini antinfluenzali da un’altra azienda farmaceutica globale. Oggi, Seqirus è produttore globale di vaccini antinfluenzali e un partner transcontinentale nella lotta alle pandemie.  La sede italiana di Seqirus conta 31 dipendenti impegnati in attività commerciali, mediche, normative e di sviluppo clinico, ecc. L’azienda genera un fatturato annuo di oltre 20 milioni di euro e investe circa mezzo milione di euro all’anno in collaborazioni e attività di ricerca.

“Abbiamo una squadra italiana di talento con una lunga storia di collaborazione con le autorità sanitarie locali e le istituzioni, al fine di proteggere la popolazione dai pericoli dell’influenza - ha dichiarato Russel Basser - La nuova sede vedrà il team crescere e trasferirsi in un ambiente di lavoro nuovo, flessibile e tecnicamente attrezzato, progettato per consentire loro di continuare ad essere in prima linea contro l’influenza”. Da molti anni Seqirus è impegnata nello sviluppo di vaccini antinfluenzali per le diverse fasce di età e categorie a rischio. Ora, grazie alla disponibilità di vaccini differenziati, come il trivalente adiuvato e il quadrivalente su coltura cellulare e alle indicazioni contenute nelle linee guida del ministero della Salute per il controllo e la prevenzione dell’influenza, è davvero possibile offrire soluzioni mirate in base all’età e alla specifica condizione del cittadino.

“Grazie alla collaborazione strategica tra VisMederi e Seqirus continua la tradizione della prevenzione dell’influenza in Italia e, nello specifico, a Siena - ha affermato Emanuele Montomoli - In questi mesi ci stiamo concentrando sulla definizione di nuovi processi per lo sviluppo dei vaccini antinfluenzali di nuova generazione, di cui già il nuovo quadrivalente su coltura cellulare di Seqirus rappresenta un traguardo. È importante ora continuare il dialogo soprattutto con le istituzioni locali e nazionali per garantire a tutti il vaccino più adeguato in relazione all’età ed alla specifica situazione clinica”. (ANNA CAPASSO)

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Migranti, il premier Conte in Senato: "Accordo di Malta non risolutivo"

Tafida, la grande sfida del Gaslini: ricoverata a Genova la bimba affetta da lesione cerebrale
L'aria che tira, Luigi Di Maio travolto da Carlo Calenda: "Show ridicolo, dimissioni immediate"
Eutanasia, i radicali "cercano malati terminali" per lo spot. La rabbia di Pro Vita & Famiglia

media