Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Sanremo, il blitz per far saltare il Festival. Clamoroso retroscena: il piano nella chat segreta

Giulio Bucchi
  • a
  • a
  • a

Assalto all'Ariston, sabotare il Festival di Sanremo che inizia martedì prossimo. Non è una suggestione ma un piano "para-militare" degli autisti Ncc che contano di "utilizzare" Claudio Baglioni, Claudio Bisio e Virginia Raffaele. Il Corriere della Sera riferisce i contenuti della chat segreta in cui gli autisti acerrimi rivali dei tassisti stanno progettando una eclatante dimostrazione proprio sotto il palco della kermesse musical-televisiva più seguita e attesa d'Italia. Un botto mediatico, insomma, per lanciare un avvertimento al governo che, a loro dire, parteggia per i taxi e danneggia i loro interessi.  Leggi anche: Il Sanremo di Baglioni? Sempre più un Festival anti-Salvini. Ufficiale: la nuova ospite... L'idea, scrive il Corsera, è un blitz nella finale di sabato prossimo, nei minuti di massima audience. "In questo modo - ragionano i conducenti di vetture a noleggio nei loro contatti carbonari - tutta Italia solidarizzerà con noi e la maggioranza dovrà modificare il decreto Semplificazioni". A svelare il piano, scrive ancora il quotidiano di via Solferino, è stata qualche spia dei tassisti nella chat, che ha intercettato anche la modalità di attacco: "Ritrovo alle 13-14 alla stazione di Genova. Si prende tutti assieme il regionale che ci porterà a Sanremo...". A quel punto, dopo aver aggirato le transenne antiterrorismo, è in programma l'"entrata a teatro ad insaputa dell'organizzazione di circa 20-30 persone che hanno acquistato il biglietto e, in diretta tv, protesta di queste persone con urla e fischietti, che interromperanno i conducenti del Festival". 

Dai blog