Cerca

L'attacco di Udicon

Sanremo 2020, Achille Lauro inguaia Amadeus: "Spettacolo indegno, non è roba da prima serata"

5 Febbraio 2020

15
Sanremo 2020, Achille Lauro inguaia Amadeus: "Spettacolo indegno, non è roba da prima serata"

Puntuale, lo scandalo Achille Lauro scuote il Festival di Sanremo. Non tanto per il pezzo, il Me ne frego tacciato di fascismo "alla cieca" non appena letto sui giornali, quanto per la performance. Quasi "nudo totale", tutina color carne molto trasparente. Troppo, per l'associazione dei consumatori Udicon. "Davanti a milioni di telespettatori, tra cui tantissimi bambini, è andato in onda uno spettacolo indegno - tuona il presidente Denis Nesci -, non siamo disposti a vedere scene come quella trasmessa in diretta nazionale su Raiuno, nel corso della prima puntata del Festival della Canzone Italiana. Che messaggio sarà arrivato ai tanti bambini che vedono insieme alle loro famiglie la televisione?".  



"Achille Lauro può cantare ciò che vuole naturalmente - prosegue il presidente di una delle associazioni che tutela i consumatori -, ma c'è modo e modo per farlo". Dito puntato contro Amadeus: "Questo naturalmente va imputato anche alla direzione artistica che ha permesso oltre questo, anche la presenza di Junior Cally, cantante che nel suo passato si mostra fautore della violenza sulle donne. L'obiettivo di ringiovanire il Festival di Sanremo non necessariamente deve passare dal portare sul palco dell'Ariston l'esibizionismo più sfrontato, questo non è più un Festival adatto ad una prima serata di Raiuno".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • kukku

    10 Febbraio 2020 - 09:58

    Il mondo è più avanti della Udicon

    Report

    Rispondi

  • Renato1953

    09 Febbraio 2020 - 09:02

    Perchè, lo fanno tutt'ora il festival di Sanremo? Credevo fosse stato archiviato da una ventina d'anni,

    Report

    Rispondi

  • LePendu

    08 Febbraio 2020 - 10:55

    Quella foto è oscena da quanto è ridicola. Uno che allestisce un programma di intrattenimento di quel genere è o scemo, o drogato, o tutt'e due le cose: una RAI pubblica che avalla spettacoli del genere è senz'altro da rottamare, e non vengano a parlare di libertà di espressione, di arte e sciocchezze del genere. Quella è spazzatura e basta.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Coronavirus, controlli a Casalpusterlengo: ritardi nei treni a Milano

Coronavirus, Beppe Sala: "Rispettate le regole e niente corse ai supermercati per accaparrarsi cibo"
Coronavirus, Franco Bechis contro Giuseppe Conte & Co: "Cosa diceva il premier, chi sono i veri sciacalli"
Coronavirus, la risposta dei ragazzi veneti alla giornalista: "Paura? No, noi abbiamo l'alcol. Ci proteggerà"

media