Cerca

Raptus

Massimo Cacciari ridicolizzato da Matteo Salvini dopo il delirio a Otto e Mezzo

11 Gennaio 2019

3
Massimo Cacciari, Otto e Mezzo

È già storia (trash) della televisione. Si parla della sfuriata con voce tremante e occhio sbarrato di Massimo Cacciari a Otto e Mezzo. Nello studio di Lilli Gruber su La7 il filosofo ha letteralmente perso la testa contro Giulia Bongiorno parlando del decreto sicurezza di Matteo Salvini. Una sbroccata da record, da grassissime risate e che sta rimbalzando ovunque sul web. E anche il ministro dell'Interno leghista ha deciso di rilanciarla. A modo suo. Su Twitter, infatti, posta il video introducendolo così: "Se le argomentazioni della sinistra contro il decreto Salvini sono queste... Ammiro la calma con cui ha risposto il nostro ministro Giulia Bongiorno", in effetti impassibile davanti alla furia di Cacciari. Ma non è tutto. Perché Salvini ridicolizza il filosofo montando il video con alcune scritte in sovrimpressione. Durante la sfuriata, sopra e sotto la clip, si legge "sbrocco in diretta". Ancor meglio la scritta che precede il video: "Avvertenza, le immagini che state per vedere possono urtare la tua sensibilità". Cacciari colpito e affondato.

Di seguito il tweet di Matteo Salvini:

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ernesto1943

    11 Gennaio 2019 - 13:01

    sarebbe ora che dall'Italia sparissero tutti gli spacciatori.

    Report

    Rispondi

  • greppio

    11 Gennaio 2019 - 09:09

    Eppure, mentre moltiissimi piccoli imprenditori venivano ridotti sul lastrico da Monti, ricordo anche che molti di loro si tolsero la vita, il buon Cacciari non emise neanche un borbottio, Quando migliaia di cittadini furono, di punto in bianco, codificati come esodati, lasciati senza pensione e senza reddito da Monti, Cacciari fece spallucce. Per i migranti, invece, sbrocca.....

    Report

    Rispondi

  • solo b

    11 Gennaio 2019 - 09:09

    al confronto Sgarbi è alle prime armi

    Report

    Rispondi

media