Cerca

Migranti

Sanremo, "Diamoci una regolata". Peppino di Capri dalla parte di Salvini: come le suona a Claudio Baglioni

10 Gennaio 2019

1
"Diamoci una regolata". Peppino di Capri dalla parte di Salvini: come le suona a Claudio Baglioni

“La proposta per un mio premio alla carriera a Sanremo? Non sapevo che il riconoscimento spettasse al Comune, avrei preferito che mi chiamasse Claudio Baglioni. Ma mi fa piacere la petizione, speriamo si vada fino in fondo. Certo, Baglioni che ti chiama e ti dice 'sai mi farebbe piacere che...” A Un Giorno da Pecora, su Rai Radio1,  Peppino Di Capri commenta la proposta di un premio alla carriera da assegnare nel corso della prossima edizione del Festival. 

Ieri Baglioni ha parlato anche della situazione dei migranti della Sea Watch, suscitando l'immediata risposta del ministro Matteo Salvini. Lei con quale delle due posizioni è d'accordo? “Forse più con Salvini - ha detto il cantante a Un Giorno da Pecora -, bisogna accogliere quelli giusti. Diciamo che sto un po' con l'uno e  un po' con l'altro. Non sono razzista, ben vengano tutti ma bisogna darsi una regolata”. Le piace quindi la posizione di Salvini? “La condivido abbastanza, fa parte di un'inquadratura generale della situazione”.  

Per approfondire leggi anche: Il direttore di Raiuno contro Claudio Baglioni

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Karl Oscar

    11 Gennaio 2019 - 00:12

    Come è buono Claudio Baglioni! Buono sopratutto con tanti artisti ammessi al festival appartenenti alla sua casa discografica, come evidenziato dal consigliere della Rai Giampaolo Rossi

    Report

    Rispondi

media