Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Mezzogiorno in Famiglia, suicidio Rai: l'inspiegabile taglio di Massimiliano Ossini, cosa c'è dietro?

Cristina Agostini
  • a
  • a
  • a

Massimiliano Ossini, classe 1978, è il principe azzurro della Rai. Piace alle mamme perché è bello e rassicurante, ai figli che sono cresciuti con lui e il Disney Club, alle famiglie perché fa una tv culturale, mai urlata e sempre garbata. Uomo Rai da tantissimi anni, pur non avendo mai avuto la sua grande occasione in prima serata, è uno dei volti più amati e rispettati della tv di Stato; nella nuova stagione riprenderà Linea Bianca su Rai1, progetto che racconta la montagna in maniera molto semplice e naturale, ideato, scritto e presentato proprio dallo stesso Ossini. Non tornerà invece al timone di Mezzogiorno in Famiglia, cancellato da uno scellerato Carlo Freccero, Direttore di Rai2, per problemi di budget. CONTROSENSO - Non riconfermare in palinsesto il programma d'intrattenimento con il più alto share della rete è apparso agli occhi di molti un controsenso, proprio in un momento in cui la tv generalista è attaccata sia dalla pay tv satellitare che dalle piattaforme streaming. Oltre al passo azzardato e fuori luogo del programma del weekend di Rai2, c'è il fatto che Freccero non ha avvisato del mancato rinnovo il cast, gli addetti ai lavori e i vari agenti, cosa che tutti hanno appreso dai giornali. Agli occhi di molti interni dell' azienda, è parso un gesto poco rispettoso e vergognoso; lo è, oggettivamente, a tutti gli effetti. Ha inoltre cancellato programmi e brand content sui quali le strutture, finanche Rai Pubblicità, avevano iniziato a lavorare, spedendoli sulle reti minori. Meglio chiudere qua l'argomento Freccero, decisamente meno interessante del buon Ossini. L'ex volto della Disney, da anni in quota Rai, non si sta solo facendo strada tra i grandi della tv italiana, ma è un vincente anche nella vita; sposato dal 2003 con l' imprenditrice ascolana Laura Gabrielli, la coppia ha tre figli: Carlotta nata nel 2004, Melissa nel 2005 e il piccolo Giovanni nel 2008. Un nucleo familiare mai entrato nel giro del gossip, mai nominato nei salotti televisivi, mai uscito nei giornali scandalistici; Massimiliano Ossini risulta un volto familiare semplicemente perché rappresenta la famiglia, il bravo marito, il papà perfetto, l' inusuale conduttore che non dà scaldalo di sé e che fa una tv piacevole. Non a caso, ha sempre dichiarato d' ispirarsi al bon ton di Corrado, Mike Bongiorno, Baudo e Michele Guardì, ovvero quel tipo di tv studiato e mai improvvisato. STIMA E APPREZZAMENTO - Grande stima e apprezzamento per come ha affrontato, ovvero con basso profilo e tanta forza, il tumore alla tiroide e ai linfonodi della moglie, che era in attesa del terzo figlio; anche qua, abbiamo visto un raffinatissimo Massiliano Ossini raccontare in rare occasione questa vicenda, che si è conclusa fortunatamente nel migliore dei modi. Momento difficile che è riuscito a raccontare sottoforma di metafora nel suo libro Kalipè-Lo spirito della montagna, edito da Rai Libri, in cui proprio la montagna viene narrata e interpretata come simbolo della vita e di una continua scalata, fatta anche di momenti complicati. In tutto ciò, un pizzico di vanità che si addice ad ogni bell' uomo dello show business: i suoi scatti su Instagram, che siano con la famiglia o che riguardino il suo fisico scultoreo, mandano sempre in visibilio centinaia di migliaia di fans. di Stefano Bini

Dai blog