Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Non è l'arena, sconvolgente intervista alla figlia di Diabolik: "Chi era mio padre"

Cristina Agostini
  • a
  • a
  • a

"Mio padre non era un boss mafioso". Ginevra Piscitelli, figlia dell'ultras della Lazio Fabrizio, meglio conosciuto come Diabolik, ucciso il 7 agosto scorso con un colpo di pistola, parla in una intervista esclusiva da Massimo Giletti a Non è l'Arena, su La7. "Ci eravamo scambiati dei messaggi poco prima che lo uccidessero", racconta, "nessuno di noi pensava a qualcosa del genere. Ma nei giorni dopo la sua morte ho avuto paura". Ginevra spiega che "la cosa che mi ha pesato più di tutto è che quasi il mio dolore non fosse legittimo perché le notizie che sono uscite lo descrivono come un boss e quindi è come se io e la mia famiglia dovessimo aspettarci una cosa del genere. Mio padre fu condannato a quattro anni di carcere ma oggi era libero: non era un boss mafioso, non ci vuole molto a capire che con quattro anni non puoi essere associato a niente". Leggi anche: "Non possiamo ancora dire nulla". A ridosso della puntata, le inquietanti parole di Massimo Giletti  

Dai blog