Cerca

Confessione

Non è l'Arena, Massimo Giletti a cuore aperto: "Prima di fare il giornalista, come ero ridotto per campare"

19 Ottobre 2019

0
Non è l'Arena, Massimo Giletti a cuore aperto: "Prima di fare il giornalista, come ero ridotta per campare"

Massimo Giletti, conduttore di Non è l'Arena, racconta al Giornale cosa faceva prima di fare il giornalista: "Lavoravo nell’azienda di famiglia. Si trova nel biellese e mi ha dato la possibilità di viaggiare e conoscere il mondo. Poi ho deciso di fare il giornalista: fino al 1999 d’estate lavoravo nell’azienda di papà ogni estate. A quei tempi facevo I fatti vostri. Ricordo la fatica di aprire 10 Mila kg di balle di cotone. Le sfilacciavo e le inscatolavo. I dipendenti di papà andavano in ferie". Perché lo ha fatto? "Soltanto in questo modo capisci cosa vuol dire guadagnarsi la vita". 

Per approfondire leggi anche: Giletti ricoperto di insulti in piazza

Poi i primi passi nel giornalismo:  "Sono nato con Mixer di Giovanni Minoli. Lui mi ha dato la vera opportunità. Gli dirò a vita, sempre, grazie. Ma devo ringraziare anche Michele Guardì: un grande maestro. Una volta, durante le prove, avevo la febbre. Uno svenimento mentre lui mi teneva sotto torchio. Mi ono risvegliato con la Perego che mi sventolava con un giornale".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Odio contro Israele, la sinistra ammette le sue colpe: vittoria di Fratelli d'Italia

Venezia, Giuseppe Conte in Piazza San Marco per il sopralluogo alla Basilica
Maltempo a Venezia, Giorgio Mulé (FI): "Se si fosse portato al termine il Mose non sarebbe successo"
Arresto Lara Comi, le immagini dell'operazione "Mensa dei poveri" della Guardia di Finanza

media