Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Domenica Live, Nina Moric mostra le foto: "Luigi Favoloso mi picchiava, ecco come mi aveva ridotto"

Davide Locano
  • a
  • a
  • a

Barbara d'Urso a Domenica Live su Canale 5 del 26 gennaio è nera con Luigi Mario Favoloso. “Io con il mio Gf ti ho dato visibilità e mi sono trovato di fronte una donna che racconta di essere stata picchiata da te”, tuona la conduttrice. Favoloso continua a difendersi, arrampicandosi ancora una volta sugli specchi. E spunta il racconto dell'episodio legato alla presunta aggressione ai danni dei piccolo Carlos, il figlio di Nina Moric e Corona. “Ha chiamato il telefono telefono azzurro”, racconta Favoloso. “La telefonata è registrata. Ho incontrato anche Corona che mi ha ringraziato dicendo: continua a prenderti cura di Carlos”, dice l'ex della Moric in una ricostruzione dei fatti molto confusionaria. La d'Urso va al sodo e lo mette alle strette: “La picchiavi? Nina mi ha mandato le foto. Posso farle vedere?”. Leggi anche: Nina Moric mostra in diretta la denuncia contro Favoloso Favoloso parla di 60-70 episodi in cui si sarebbe fatto male per proteggere Nina. Ma il suo racconto è di nuovo frammentario, poco chiaro. La d'Urso manda in onda alcune foto choc in cui si vedono i segni di presunte aggressioni sul corpo della Moric, che sostiene di essere stata picchiata da Favoloso e di averlo denunciato. Favoloso si difende solo dicendo: “Sono foto vecchie. Sono stato costretto ad arginare alcune situazioni, le spiegazioni le darò a chi di dovere”. La sua versione dei fatti, però, è poco chiara. Favoloso dice di voler chiudere con Nina e con sua madre. Poi in diretta chiama l'ex modella - che contatta la redazione di Live dicendo che le foto dei lividi sul suo corpo risalgono ad un episodio del 2017. Nina non molla e conferma le accuse lanciate in tv: “Favoloso mi ha picchiata”. Ma il giovane ex gieffino butta fango contro sua madre. “Nina vomita offese. E' evidente la volontà di farmi del male”. La d'Urso precisa: “Nina dice che la denuncia parte dal 2016”. Gelo in studio. di Francesco Fredella

Dai blog