Cerca

Kermesse

Sanremo 2020, Avellino in rivolta contro Bugo: "Sconosciuto, scusati". Morgan gliela fa grossissima

11 Febbraio 2020

0
Morgan, Bugo, Sanremo 2020

Effetti collaterali del Festival di Sanremo, nel dettaglio dello scontro tra Morgan e Bugo, il fatto più clamoroso che si sia visto alla kermesse, con successiva squalifica dei due. Il punto è che quanto accaduto fa sentire i suoi effetti anche ben lontano dall'Ariston, ad Avellino per la precisione, laddove Gianluca Festa ha chiesto le scuse ufficiali a Bugo per un fatto che, con lui, non c'entrava nulla. Il punto è che il sito satirico Irpinia Paranoica, di satira, ha scritto una notizia in cui dava conto di una frase che Bugo avrebbe rivolto a Morgan durante la lite sul palco a Sanremo. Bugo rivela: "Ho detto a Morgan che può cantare solo ad Avellino. Poi la lite: questo il titolo proposto dal sito satirico. Titolo che ha fatto esplodere il primo cittadino Festa, che sempre su Facebook ha scritto: "Pare che il cantante Bugo, del quale - lo ammetto - ho scoperto l’esistenza solo oggi, avrebbe così offeso la nostra città. Non accettiamo queste provocazioni, Bugo chieda scusa ad Avellino ed agli avellinesi!", ha intimato. Peccato che Bugo non avesse mai detto nulla contro la città. Il riferimento della battuta, per inciso, è a un episodio dello scorso giugno, quando Morgan commentando il palco allestito proprio ad Avellino, dove avrebbe dovuto suonare, sbottò: "Non voglio suonare con questa scenografia offensiva a tre giorni da uno sfratto, chiunque abbia pensato di fare questo è una persona che mi vuole umiliare, io trovo umiliante vedere un grande artista buttato in mezzo a una strada che suona per 5.000 euro con cui a stento riuscirei a pagare le spese di viaggio".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Coronavirus, il video di Amadeus per la Rai: "Aiutiamoci l'un con l'altro"

Stefano Nicolao e l’arte dei costumi: l'intervista di Viviana Battaglione
Ballo di Carnevale tra le epoche al Museo Nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari
Coronavirus, il governatore delle Marche sfida Conte: "Chiudo le scuole", si va in Tribunale

media