Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Stefano D'Orazio morto di coronavirus: "Solo pochi mesi fa". La sua ultima canzone, una tragica beffa del destino

  • a
  • a
  • a

Una beffa atroce, nel dramma di Stefano D'Orazio. L'ha voluta sottolineare il governatore della Lombardia Attilio Fontana, ricordando il batterista dei Pooh morto venerdì a Roma a 72 anni, per il combinato tra il Covid a cui era risultato positivo da una settimana e una malattia autoimmune pregressa con cui combatteva da tempo. "Insieme a Roby Facchinetti - ha spiegato il governatore leghista - aveva scritto pochi mesi fa Rinascerò, rinascerai’, canzone simbolo della pandemia a Bergamo". Facchinetti, bergamasco Doc, aveva coinvolto l'amico e collega di una vita nel commovente "inno" alla resistenza della città e della Lombardia all'epidemia. Una "resistenza" che oggi è purtroppo anche del resto d'Italia, e D'Orazio è stato uno dei tanti inconsapevoli caduti. 

 

Dai blog