Cerca

La rivoluzione è servita

Milan, il giorno di Piatek: 35 milioni e bonus al Genoa. Higuain, fuga in silenzio

22 Gennaio 2019

0
Piatek, Milan

Il Milan con e senza. La trattativa con e senza. Non è canottaggio, ma il Milan senza Higuain (imbattuto e con una media gol di 2 reti a partita) e il Milan con il Pipita (battuto 4 volte e con una media gol di 1.2). Oppure la trattativa per Piatek, senza contropartite tecniche e con un corrispettivo solo cash, oppure con un giocatore sul tavolo in grado di abbassare la somma in denaro per il trasferimento del bomber polacco dal Genoa al Milan. Sono i due crinali, su cui si è sviluppata la giornata del post Marassi. Gara nella quale si è infortunato Cristian Zapata.

Il comunicato del Milan: «Cristian Zapata si è sottoposto ad una risonanza magnetica che ha evidenziato una lesione del muscolo bicipite femorale della coscia destra, infortunio occorso durante la partita Genoa-Milan. Il giocatore sarà sottoposto ad un esame di controllo fra due settimane». Un mese di assenza per il colombiano che potrebbe tornare a disposizione il prossimo 24 febbraio, quando il calendario proporrà Milan-Empoli a San Siro, sesta giornata di ritorno. Rino Gattuso è quindi contato a livello di difensori centrali: rientra Romagnoli dalla squalifica, ma fino al recupero di Caldara, che potrebbe compiersi prima del ritorno in campo di Zapata, rimangono spendibili solo Musacchio e l’adattato quanto efficace Abate. Dal canto suo, pur essendo in scadenza di contratto e non molto considerato mediaticamente, Zapata è stato quasi sempre titolare negli schieramenti rossoneri per più di due mesi, da Udinese-Milan del 4 novembre scorso fino alla gara di ieri a Marassi rossoblù. Particolare non trascurabile in questo periodo è che il Milan da inizio dicembre ad oggi è la miglior difesa del campionato italiano, avendo subito solo 3 reti contro Parma, Fiorentina e Spal nell’ultima giornata dell’anno solare 2018. A livello di mercato, Casa Milan non si è limitata a definire i dettagli dell’operazione Piatek. Il club rossonero ha parlato anche del giovane laterale Raoul Bellanova con il Bordeaux: 1 milione di euro e il diritto di recompra in entrambi i casi a favore del Milan. Un altro giovane in uscita da Milanello appare il ceco, difensore centrale, Stefan Simic con il Frosinone, in questo caso, nelle vesti di club interessato all’acquisizione del 24enne.

Sul conto di Piatek, invece, si è fatto sentire Andrzej Bolisega, primo allenatore e presidente dell’attaccante ai tempi del Lechia Dzierzoniów, schierato contro le attuali norme del ’meccanismo di solidarietà’: «Mi appello pubblicamente alla Fifa per chiedere di modificare le disposizioni attuali. Il 5% della somma di trasferimento dovrebbe essere applicata per ogni trasferimento. Invito tutte le squadre di calcio a mobilitarsi e conto sul supporto del presidente della Federcalcio polacca, Zbigniew Boniek. Non è giusto che il club che ha allenato per 7 anni Piatek non possa beneficiare del suo trasferimento dal Genoa al Milan». Dichiarazioni rilasciate a trattativa ormai avviata ma non conclusa ufficialmente. Ma se Bolisega protesta, Higuain freme. Maurizio Sarri aspetta il Pipita a Londra per il ritorno delle semifinali di Carabao Cup, la EFL Cup, ovvero la coppa di Lega inglese.

All’andata il Chelsea ha perso 1-0 sul campo del Tottenham e i Blues vogliono assolutamente rimontare. Farlo senza segnare, diventa pressochè impossibile. Ecco perchè Sarri vuole il prima possibile Higuain a Cobham, per riprendere quel discorso interrotto il 14 maggio 2016, ultima partita, Napoli-Frosinone 4-0, con il Pipita e il tecnico toscano entrambi in forza al Napoli. Una gara nella quale Higuain si congedò dal San Paolo, che non immaginava nemmeno lontanamente quel giorno l’epilogo bianconero dell’estate dell’argentino, segnando una tripletta. Sarri ritroverà ’quel’ Pipita o ’questò Pipita, reduce dalle partite poco incisive disputate contro Sampdoria e Juventus con il Milan di inizio 2019? L’operazione di mercato del momento ruota tutta attorno a questo interrogativo.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Luigi Di Maio lascia la riunione dei gruppi M5s senza fare dichiarazioni. Bocche cucite tra i grillini

Simone Gautier, l'escursionista francese morto nel Cilento. Le operazioni di recupero della salma
Matteo Salvini bombarda Pd e M5s: "Il primo CdM devono farlo a Bibbiano"
Matteo Salvini: "Conte è ancora il mio premier". Dietrofront in arrivo?

media