Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Mario Balotelli detassato del 50%: il Brescia approfitta del "rientro dei cervelli" del decreto di Di Maio

Caterina Spinelli
  • a
  • a
  • a

Quando il Decreto Crescita è diventato legge, per Massimo Cellino, era tempo di concludere un affare: quello di Mario Balotelli al Brescia. La prima mezza idea gli era venuta già in gennaio, quando il suo Brescia viaggiava come un treno verso la serie A e l'attaccante andava in prestito a Marsiglia col contratto in scadenza a giugno. Nei mesi successivi il patron sardo ci ha riflettuto a lungo mentre attendeva il fatidico 29 giugno. Dati in cui il provvedimento è stato ufficializzato. Proprio grazie allo sconto fiscale previsto dalla legge che si occupa anche del cosiddetto "rientro dei cervelli" - fa sapere Il Corriere della Sera - risparmierà un mucchio di soldi in contributi. Leggi anche: Balotelli torna a Brescia: la prima delusione, niente Coppa Italia Funziona così: da qui in poi, ai calciatori stranieri o a quelli che tornano dall'estero dopo almeno due anni, viene tassato solo il 50% del reddito imponibile. Semplificando: la metà dei guadagni dei calciatori non è più soggetta a tassazione. Un risparmio enorme che consente ai nostri club di offrire ingaggi netti ancora più alti. Per accedere all'agevolazione, però, occorre restare in Italia almeno due anni. E siccome la norma entra in vigore dal primo gennaio 2020, Mario deve giocare qui almeno tre stagioni calcistiche. Se va via prima, la quota risparmiata va restituita al fisco italiano. 

Dai blog