Cerca

Censura a San Pietro

Benedetto XVI con la tonaca sporca di pipì
Anatema vaticano contro la satira

La Santa Sede ha denunciato la rivista satirica Titanic che ha messo in copertina l'immagine blasfema

Il tribunale vieta al settimanale di Francoforte di diffondere le copie del numero corrente e di pubblicare le foto originali su Internet. Pena: 250.000 euro di sanzione
Benedetto XVI con la tonaca sporca di pipì
Anatema vaticano contro la satira

La fotografia di Benedetto XVII con la veste papale sporca di pipì non è piaciuta dal Vaticano. Neanche se a pubblicarla sono stati i concittadini di sua Santità. L'anatema della Santa Sede è stato lanciato sulla rivista rivista satirica tedesca "Titanic" rea di aver messo in copertina la blasfema immagine con titolo "Hallelujah in Vaticano - Trovata la fonte della fuga di notizie!" e sottotitolo "La bufera sul caso Vatileak". Anatema, ma anche denuncia che ha portato al divieto per la rivista di Frankoforte, che già altre volte aveva ironizzato sul Papa, di diffondere le copie del numero corrente e di pubblicare le foto originali su Internet. Pena: 250.000 euro di sanzione, perché "la copertina e l’ultima pagina di Titanic sono illegali, violano i diritti della persona del Santo Padre", ha detto Matthias Kopp, portavoce della Conferenza episcopale tedesca. Per Kopp, inoltre, il magazine "è andato oltre ogni limite ragionevole e questo è stato confermato anche da un esame giuridico".

A raccontare la censura vaticana è lo stesso magazine che ha anche pubblicato martedì sul suo sito una copia del documento con cui l'arcivescovo Angelo Becciu aveva chiesto a nome del Papa il blocco del numero di luglio del periodico. Non rinunciando alla linea satirica il direttore di "Titanic", Leo Fischer, precisa che "la foto è stata fraintesa - dice - mostra il Papa che festeggia la soluzione del caso (Vatileaks) e, nell’euforia, versa una bibita sulla sua tonaca". Per questo ha pubblicato la foto di Benedetto XVI con i mano due bottiglie di aranciata: "È cosa nota" spiega Fisher "che il Papa è un grande fan della rinfrescante Fanta". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • beatles14

    12 Luglio 2012 - 01:01

    LASCIATE STARE IL PAPA luterani di m...a, non siete degni di sfiorarlo neanche con lo sguardo. Oltre ad essere troppo ignoranti x capirlo

    Report

    Rispondi

  • sig.nessuno

    11 Luglio 2012 - 17:05

    I tedeschi hanno un umorismo che imbarazzerebbe anche Cletus Spuckler.

    Report

    Rispondi

  • spalella

    11 Luglio 2012 - 16:04

    COSA ha mai un prete, uno che ha imparato a memoria le favole di 2 mila anni fà, per definire blasfemo chi lo prende in giro ? come mai invece NON lo è fare la stessa cosa, magari con un igegnere, con chi ha studiato molto di più, e anche cose molto più utili ? forse che i preti hanno due cervelli, o quattro zampe ? a me sembra invece che abbiano solo meno voglia di lavorare degli altri, e che vivano allegramente delle fatiche degli altri..... Non è polemica, è solo che non capisco, è solo che la ragione in generale non trova motivazioni civili, o anche solo intelligenti, per ciò.

    Report

    Rispondi

  • mariapepe52

    11 Luglio 2012 - 12:12

    questa non è satira. questa è come al solito una vigliaccata (fatto poi dai tedeschi, non c'è proprio da meravigliarsi), e come tutti i cosidetti satirici, puntano sempre e solo alla chiesa cattolica.Se avessere almeno una parvenza di PALLE, andrebbero a toccare anche altre religioni.....ma tutti i vigliacchi come loro se ne guardano bene... altrtimenti la pipì se la farebbero sotto loro , e non solo la pipì. Se è questo di cui hanno bisogno per sentirsi uomini..sono ben miseri!

    Report

    Rispondi

blog