Cerca

dati

In Italia oltre mln di persone con disabilità, solo una su 5 lavora

In Italia oltre mln di persone con disabilità, solo una su 5 lavora

Roma, 3 dic. (Labitalia) - Si celebra oggi la Giornata internazionale delle persone con disabilità, promossa dalle Nazioni Unite e che quest'anno è dedicata al tema "Inclusione: accesso ed empowerment per le persone con tutte le abilità". Una giornata che vuole essere un contributo all'abbattimento di pregiudizi nei confronti di persone portatrici di handicap e in cui si fa il punto della situazione che vivono.

In Italia, secondo recenti dati Istat, vivono oltre 3 milioni di persone con gravi disabilità, ma solo 1,1 milioni percepiscono un'indennità di accompagnamento; 200 mila adulti vivono ancora in istituto o in una Residenza sanitaria assistita, dunque in una situazione di segregazione. A queste si aggiungono le persone che di fatto vivono segregate in casa, per assenza magari di un'ascensore o per la presenza di insormontabili scalini o perchè semplicemente soli.

Passi in avanti ne sono stati fatti: oggi molte più con disabilità lavorano, praticano sport, vanno in vacanza. Ma continuano a mancare molto spesso quelle condizioni che rendono possibile a tutti i disabili di accedere a queste opportunità. In Italia, lavora meno di un disabile su cinque (il 19,7% delle persone con disabilità grave nella fascia di età tra i 15 e i 64 anni). Il che vuol dire che oltre l'80% dei disabili non lavora: di questi il 46% ha lasciato il lavoro, il 10,5% è in cerca di occupazione e il 23,9% non cerca un lavoro.

L’Italia, poi, spende poco per la disabilità: 430 euro a persona (dati Eurostat), posizionandosi al di sotto della media europea (538) nella parte bassa della classifica. La spesa media annua dei Comuni per disabile è inferiore ai 3.000 euro l’anno con una spesa giornaliera di 8 euro. Profonde sono le disparità territoriali: 469 euro in Calabria, 3.875 in Piemonte.

Il 70% delle famiglie con persone con disabilità non fruisce di alcun servizio a domicilio. E solo meno di 7 disabili su 100 contano su forme di sostegno presso la propria abitazione. Il che significa che sono quasi sempre le famiglie da sole a fronteggiare la disabilità del loro caro.

“Abbiamo osservato evoluzioni e accelerazioni, essendone spesso i primi fautori - commenta Vincenzo Falabella, presidente della Federazione italiana per il superamento dell’handicap - ma ora abbiamo una stringente necessità di avviare e consolidare compiute politiche inclusive delle persone con disabilità per migliorane la effettiva condizione di vita: lavoro, sostegni alle persone e alle famiglie, dopo di noi, autonomia personale e vita indipendente, scuola, revisione dei criteri di valutazione della disabilità. Anche queste scelte politiche sono l’indicatore della civiltà di un Paese che stiamo attendendo”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog