Cerca

Conti in rosso

Duemila miliardi di debito: ringraziamo il prof Monti

A fine 2012 il rapporto debito/Pil raggiungerà il record: 123,4% contro il 120,1 del 2011. E' il fallimento dei "secchioni" di governo

Si fa presto a dire tecnici anti-Casta. Il premier e professore Mario Monti da tempo bazzica i Palazzi della politica, anche durante la famigerata Prima Repubblica. Tra 1989 e 1992, per esempio, fu il consulente economico principe dell’esecutivo Andreotti. In quel periodo, giusto per snocciolare due numeri, ci fu un incremento del debito dello stato del 44,53%, da 589 miliardi di euro attuali a 849 miliardi. Non un ottimo biglietto da visita, 20 anni dopo, per il presidente del Consiglio chiamato a raddrizzare i conti pubblici. E in effetti i risultati di Monti e dei suoi "ministri secchioni" continuano ad essere deprimenti. A gennao il debito pubblico italiano ha fatto segnare un nuovo record, toccando i 1.935,829 miliardi di euro, in rialzo di 37,9 miliardi rispetto ai 1.897,946 miliardi registrati a dicembre 2011. E nel 2012 la situazione non migliorerà: a fine anno, infatti, il rapporto debito/Pil arriverà al 123,4% contro il 120,1% del 2011. Magari il problema fosse soltanto lo spread tra Btp e Bund...


Leggi l'articolo di Fosca Bincher su Libero 
in edicola oggi, sabato 28 aprile

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • wall

    02 Maggio 2012 - 10:10

    ..un buon economista licenzia prima lo stato incapace di gestire le risorse industriali della nazione.

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    01 Maggio 2012 - 17:05

    signora, glielo ho già chiesto in un altro post: quali sarebbero le tasse di Prodi? le può elencare? e, soprattutto, quelle di Monti che avrebbero portato il debito a: "A gennaio il debito pubblico italiano ha fatto segnare un nuovo record, toccando i 1.935,829 miliardi di euro, in rialzo di 37,9 miliardi rispetto ai 1.897,946 miliardi registrati a dicembre 2011...", come dice l'articolo se, gli ultimi tre annisono gli anni di Burlesque e i provvedimenti di Monti non erano a Gennaio ancora attivi?

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    01 Maggio 2012 - 11:11

    Si puo' intervenire su tre fronti: diminuire il debito (maggiore tassazione a copertura di diminuzione di entrate erariali per la crisi); aumentare il PIL (crescita) facile a dirsi ma difficile a farsi poiché la crescita dipende in massima parte dai privati che da 20 anni non investono preferendo la finanza e i paradisi fiscali. Terzo modo: intervenire su entrambi (numeratore e denominatore del rapporto). E' quello che tenta di fare Monti. Tali interventi si tramutano, comunque, in sacrifici per la popolazione (i meno abbienti soprattutto). Percio' l'unico rimprovero - se si puo' dire - a Monti riguarda l'equità. Tuttavia, se si vogliono incassare piu' soldi , bisogna rivolgersi al ceto medio..purtroppo. Infine: in periodo di crisi é il PIL che influenza il rapporto; esso dipende percio' dalla politica precedente a quella di Monti.Rivolgetevi a zio Silvio...

    Report

    Rispondi

  • futuro libero

    29 Aprile 2012 - 12:12

    se Berlusconi vi metteva 1000 tasse come ha fatto prodi e come sta facendo monti il debito non sarebbe salito, ma la beffa più grande che vi sfugge è che malgrado la marea di tasse per estorcecerci denaro il debito è salito con monti, buffoni riempite un pò quel misero cervellino se potete.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog