Cerca

Batosta continua

Tasse, incassati 10 milioni in più
Inutile aumentare l'Iva

Tasse, incassati 10 milioni in più 
Inutile aumentare l'Iva

Imu, bollo sui conti correnti e accise sostengono il gettito. Lo certifica il bollettino delle Finanze sulle entrate dei primi nove mesi del 2012 che si attestano a quota 292,5 miliardi di euro. Con una crescita del 3,8% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, in pratica +10.627 milioni di euro. Aumentano dunque gli incassi sia delle imposte dirette che di quelle indirette. Tra le prime spiccano i 2 milioni in più assicurati dall'imposta sostitutiva su ritenute, interessi e altri redditi di capitale. Che compensano la lieve flessione di Iperf e Ires. Il ministero dell'Economia e delle Finanze ha commentato così i dati: "Nel complesso, pure in presenza di una congiuntura fortemente negativa, la dinamica  delle entrate tributarie conferma la tendenza alla crescita a ritmi superiori rispetto all'analogo periodo dello scroso anno per effetto delle misure correttive varate a partire della seconda metà del 2011". Dieci milioni di tasse in più ci si chiede dunque per quale motivo bisogna infierire sulle tasche degli italiani aumentando anche l'Iva.

 

No all'aumento dell'Iva  La caduta della domanda interna dovrebbe spingere il governo a evitare l'aumento dell'Iva anche per l'aliquota del 21%. Secondo le previsioni dell'Istat per consumi dovrebbe registrare una contrazione del 3,2% nel 2012 e dello 0,7% nel 2013. Il Codacons sottolinea che è proprio il crollo dei consumi a rendere inverosimile la previsione del Governo di tornare a crescere nel secondo trimestre del 2013. Non a caso per l'Istat il Pil scenderà nel 2013 dello 0,5%, più del doppio rispetto alla flessione dello 0,2% stimata a settembre dal Governo. Per l'associazione di consumatori questi dati dovrebbero indurre Monti e la maggioranza che lo sostiene a rivedere la legge di Stabilità. E' indispensabile, si legge in una nota del Codacons, che anche l'Iva al 21% non sia toccata, altrimenti i consumi finirebbero per risentirne proprio negli ultimi 6 mesi del 2013, quei mesi in cui il Governo si aspetta e spera in una ripresa. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • steu60

    11 Novembre 2012 - 18:06

    non serve andare al pozzo col secchio bucato:l'acqua esce e non finisce dove dovrebbe.I soldi delle troppe tasse finiscono per riempire la pancia ai soliti noti,però adesso questa manovra si chiama salva italia;ma per salvare l'italia sarebbe opportuno murarli vivi in parlamento.Tutti quanti.

    Report

    Rispondi

  • Angela70

    07 Novembre 2012 - 11:11

    fate rientrare i tanti militari che sono all'estero per una causa non nostra e vedrete quanti soldi si risparmiano...........

    Report

    Rispondi

  • sparviero

    06 Novembre 2012 - 21:09

    e adesso la ricrescita.....Ma quando mai! Pinocchio !

    Report

    Rispondi

  • minosser

    06 Novembre 2012 - 17:05

    Adesso e' chiaro a tutti , questo governo non capisce una mazza! Come si puo' aumentare l'IVA dal 21 al 22% ,tenendo conto che i consumi diminuiscono al ritmo del 1,50% ogni trimestre ! dopo 12 mesi diminuiranno del 6%, se va bene.I professori bocciati del GOVERNO, prima hanno distrutto le pensioni,poi il mercato immobiliare con l'IMU,ancora vogliono togliere l' indicizzazione degli stipendi e pensioni, adesso vogliono la fame dei cittadini che lavorano e la miseria nera dei pensionati!!! vergognatevi tutti, anche i partiti che li sostengono.... minosser

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog