Cerca

Scandalo derivati

Inchiesta Mps: nelle carte tutte le bugie dei vertici sull'acquisto di Antonveneta

Secondo gli inquirenti sono state date false informazioni e nascoste delle notizie

Giuseppe Mussari, ex presidente Mps

Giuseppe Mussari, ex presidente Mps

Una clamoorosa rivelazione che emerge dalle carte processuali dei magistrati di Siena che stanno indagandi su Monte dei Paschi. I contratti per il finanziamento che serviva ad acquistare Antonveneta sono stati modificati dopo le comunicazioni date al mercato e agli organi di vigilanza. Lo scrive il Corriere della Sera che precisa come a ricostruire cosa accade nell'autunno di 6 anni fa, sopno state alcune mauil scambiate tra i vertici di Mps e i verbali di interrogatorio deglla Gdf. Il 18 dicembre 2007 Raffaele Rizzi trasmette via mail la bozza del comunicato alle istituzioni finanziarie che sono disponibili a finanziare l'operazione, ma gli inquirenti sottolineano come la bozza interna alla banca del giorno successiva sia diversa da quella data al mercato nella parte in cui fa riferimento al finanziamento da un miliardo mediante nuove azioni. Insomma, gli investigatori hanno in mano materiale che dimostrerebbe come i vertici della banca abbiano mentito sulla natura dell'operazione.Ma questa sarebbe solo uan delle bugie che sarebbero state costruite ad arte per nascondere l vera natura dell'operazione. Secondo gli inquirenti sono state esposte false informazioni e occultate delle notizie. 

L'interrogatorio Questa mattina, mercoledì 6 febbraio l'interrogatorio di Antonio Vigni nell’ufficio della Procura di Siena   condotto dai pm Aldo Natalini, Antonio Nastasi e Giuseppe Grosso. I   pm, secondo quanto si è appreso contestano all’ex direttore generale   di Mps i reati di ostacolo alla vigilanza di Bankitalia e false  comunicazioni societarie. I difensori di Vigni, gli avvocati Enrico De  Martino e Roberto Borgogno, hanno fatto sapere che il loro cliente intende rispondere alle domande della Procura.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • allianz

    06 Febbraio 2013 - 20:08

    Fuori i nomi.

    Report

    Rispondi

  • ciprino

    06 Febbraio 2013 - 16:04

    E quelle di Bankitalia (sic, non Banca d'Italia che non esiste più da tempo), degli vari amministratori delegati delle banche, dei vari politici, ecc.???? Grazie a questi, l'Italia è sempre più "privata" (nel senso di privare). Di tutto. Saluti

    Report

    Rispondi

blog