Cerca

Uccisi dalle tasse

Equitalia "strozza" una donna:
deve 1 mln, madre di tre figli
le sequestrano stipendi e conti

A una signora, dopo il divorzio col marito, sono rimasti soltanto i debiti. Ma non li può ripagare. E il Fisco la mette in ginocchio: "Non so come mantenere i miei tre figli"

Equitalia "strozza" una donna:
deve 1 mln, madre di tre figli
le sequestrano stipendi e conti

Un'ex imprenditrice trentina ha un debito verso Equitalia di un milione di euro. Ma non lo può pagare. E così la donna, madre di tre figli, si è vista pignorare un quinto dello stipendio, le è stato sequestrato il conto corrente e le Entrate le hanno prelevato la parte rimanente dello stipendio, fino alla progressiva estinzione del debito. Sulla vicenda è intervenuta la Confesercenti del Trentino, che ha definito la donna "vittima di un sistema e di un meccanismo perverso e inaccettabile, che non lascia spazio ad azioni di tutela e garazia per gli imprenditori. Il milione di euro di debiti verso Equitalia era maturato in seguito al fallimento dell'azienda edile di cui la donna era socia con il marito. Terminato il matrimonio, alla donna sono rimasti in mano i debiti verso l'Erario, ai quali si sono poi aggiunti gli interessi di mora e le sanzioni.  

"Io come faccio?" - Oggi la donna brancola nel buio, disperata: non sa come mantenere i tre figli e la casa d'edilizia popolare: per pagare le spese condominiale è intervenuto l'assessorato alle politiche sociali della Comunità di Valle, con l'biettivo di evitare lo sfratto della casa. Il quotidiano L'Adige riferisce che la donna non contesta l'ammontare del debito ma spiega: "Se devo pagare, pag. Ma se mi tolgono tutto lo stipendio come faccio a dar da mangiare ai miei figli, come faccio a farli studiare e a riscaldare la casa?".

"Serve un intervento" - Secondo la Confesercenti del Trentino il problema "riguarda un sistema e un meccanismo perverso e inaccettabile che non lascia spazio ad azioni di tutela a garanzia degli imprenditori. Qui - continua Confesercenti - si va ben oltre il rischio di impresa e quotidianamente emergono casi drammatici anche nella nostra provincia. Oltre alla solidarietà e alla preoccupazione per il caso umano che coinvolge l'ex imprenditrice, evidenziamo l'urgenza di un intervento a monte della normativa che regola i rapporti con il Fisco e con Equitalia".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Maxforliberty

    21 Marzo 2013 - 08:08

    Guarda che al milione ci arrivi partendo da 200mila euro. Si triplica tutto. Considera che in Italia non paghi imposte sull'utile effettivo, ma su un utile ricalcolato fiscalmente che solitamente è il doppio di quello civile (effettivo). Quindi, molto spesso, le imposte superano l'utile civilistico. Inoltre, se uno non vuole pagare consegna una dichiarazione dei redditi errore, non si autodenuncia al fisco. E ti pare normale che triplico gli importi di chi mi consegna la dichiarazione e non torco un capello a chi non la presenta? QUESTO SISTEMA INDUCE ANCHE L'ONESTO ALL'EVASIONE VERA: avrà meno rischi.

    Report

    Rispondi

  • Satanasso

    18 Marzo 2013 - 09:09

    Stato italiano & Mafia...qual'è la differenza?

    Report

    Rispondi

  • Baronedel Carretto

    17 Marzo 2013 - 23:11

    Vergogna.

    Report

    Rispondi

  • harrys

    17 Marzo 2013 - 09:09

    Le imprese edili spesso hanno molti fondi neri, la moglie ed il marito nell'impresa quanti soldi spendevano di proprio e quanto era il loro stipendio?? con un debito di quella cifra verso equitalia è solo che non ha pagato I.V.A.-I.N.P.S.-IRPEF- TASSE e CONDONI. pertanto se non hanno pagato il milione di euro allo stato quei soldi dell'impresa dove sono finiti??? conosco ex titolari che con debiti verso lo stato di cifre ancora più consistenti conducevano vita da nababbi loro e i loro figli assunti nell'impresa. Se erano soci, il marito non è debitore anche lui della stessa cifra??? bisogna verificare prima di sparare in prima pagina certe notizie.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog