Cerca

La beffa

Congelata l'Iva (per soli tre mesi)
Ci massacrano con altre tasse

Congelata l'Iva (per soli tre mesi)
Ci massacrano con altre tasse

Tregua estiva per le tasse. Dopo l’Imu rimandata a metà settembre, anche per l’Iva il governo delle grandi alleanze opta per lo stop and go di 90 giorni e non va oltre il mini rinvio. L’aumento dell’aliquota relativa all’imposta sul valore aggiunto dal 21 al 22% previsto per il 1 luglio, slitta di tre mesi. Analogo congelamento a quello già stabilito per il balzello sulle prime abitazioni. 

Incapace di prendere decisioni incisive, minato dalle liti nella maggioranza oltre che dalla bufera giudiziaria che ha investito per l’ennesima volta Silvio Berlusconi (con la condanna a 7 anni nel processo Ruby), l’esecutivo guidato da Enrico Letta può fare l’unica cosa possibile: prendere tempo. Il provvedimento sarà approvato oggi dal consiglio dei ministri al 99,9% come ha assicurato ieri il ministro per gli Affari regionali, Graziano Delrio. Tuttavia, non è da escludere la possibilità che la riunione a palazzo Chigi venga spostata a sabato, con una convocazione straordinaria. Opzione che potrebbe consentire al premier Letta di dare il via libera al decreto dopo il Consiglio europeo in programma domani e venerdì.

La questione principale è legata alle coperture finanziarie. Il rinvio di 90 giorni serve un miliardo, mentre per rimandare la stangata a dicembre ne servirebbero 2. Troppi. Almeno in questa fase, resa ancor più complicata dalla fiammata sugli spread (ieri ha ciuso a quota 308 punti)  che potrebbero far salire, nel secondo sembestre 2013, il costo degli interessi sulle emissioni di bot e btp.  Il rendimento dei titoli di Stato viaggia di nuovo verso il 5% e l’impennata ha fatto salire la tensione a via Venti Settembre. Ragion per cui, il ministro dell’Economia, Fabrizio Saccomanni, non concederebbe più dei 90 giorni programmati.  Le ipotesi di copertura finanziaria vanno da un aumento delle accise sui carburanti ad un incremento della tassazione sulle sigarette elettroniche e sui giochi, anche se il gettito derivante dal segmento lotterie e simili è ormai in calo. 

Il testo sull’Iva approderà al cdm con un testo aperto e con diverse ipotesi ancora sul tavolo. Come una tantum si è parlato anche di cartolarizzazione degli immobili pubblici, ma non è esclusa nemmeno la possibilità di una rimodulazione delle aliquote, oggi suddivise in tre tranche (al 4, al 10 e al 21%). Alcuni prodotti potrebbero cioè «salire di un livello», mentre il 22% verrebbe introdotto solo per alcuni beni considerati di lusso. Un modo per rendere il rialzo più equo e per ridare fiato ai consumi degli italiani, in picchiata da quasi un anno. Anche ad aprile, infatti, le vendite al dettaglio hanno registrato un altro segno meno, non risparmiando, ma anzi penalizzando, anche gli alimentari. Per bere e mangiare le famiglie hanno speso il 4,5% in meno, pari ad oltre 300 euro in meno rispetto all’anno scorso, calcolano Adusbef e Federconsumatori.

Quello dei «tre mesi» è un compromesso. Da una parte le rivendicazioni di bandiera del Pdl, con Renato Brunetta che ha lanciato un vero e proprio diktat al governo: senza rinvio, tutti a casa. Dall’altra parte, c’è l’esigenza di mettere a punto un piano di copertura che sia credibile, affidabile, anche rispetto all’analisi della Commissione Ue. Alla fine della giostra decide sempre Bruxelles. 

di Francesco De Dominicis
twitter@DeDominicisF

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • vfangelo75

    29 Giugno 2013 - 17:05

    Sono stufo di sentire Alfano che dice a Letta o via l'IMU e IVA o si va a casa, ma Alfano sa i problemi delle tasse? Questa è diventata una poesia che recita molto bene, quello che lui vuole abolire è il male minore? Stanno mettendo le mani nelle tasche dei poveri e mai nelle loro, secondo me questi politici aspettano che il popolo li fa cagare sotto, sono molto arrabbiato col PDL hanno ragione chi dice che i politici sono tutti uguali, ed io litigo affermando che Berlusconi e altra cosa, il PD sta giocando il topo e il gatto fa finta di accontentare il PDL, ma non è così. PS. Scusate, sono così scandalosi i miei commenti? Oppure fatemi sapere, devo scrivere che siamo felici e contenti? A me costa molto parlare così del PDL ma la gente come me che difendo i PDL si deve pur sfogare.

    Report

    Rispondi

  • RUGIA

    26 Giugno 2013 - 13:01

    AUMENTO DELL’IMPOSTA FISSA DI BOLLO : La Legge 24/06/2013, di conversione del D.L. 43/2013 approvata dal Senato in data 21/06/2013, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale di ieri e in vigore da oggi, dispone che l’imposta fissa di bollo, - ovunque sia prevista nella misura di 1,81 Euro, passi a 2 Euro - ovunque sia prevista nella misura di 14,62 Euro, passi a 16 Euro In particolare sono interessate dall’aumento: - le ricevute, le quietanze, le fatture e le note non soggette ad IVA se superano 77,47 Euro, che saranno soggette a bollo di 2 Euro per ogni esemplare; - gli atti di notorietà.

    Report

    Rispondi

  • RUGIA

    26 Giugno 2013 - 13:01

    AUMENTO DELL’IMPOSTA FISSA DI BOLLO : La Legge 24/06/2013, di conversione del D.L. 43/2013 approvata dal Senato in data 21/06/2013, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale di ieri e in vigore da oggi, dispone che l’imposta fissa di bollo, - ovunque sia prevista nella misura di 1,81 Euro, passi a 2 Euro - ovunque sia prevista nella misura di 14,62 Euro, passi a 16 Euro In particolare sono interessate dall’aumento: - le ricevute, le quietanze, le fatture e le note non soggette ad IVA se superano 77,47 Euro, che saranno soggette a bollo di 2 Euro per ogni esemplare; - gli atti di notorietà.

    Report

    Rispondi

  • iuchi

    26 Giugno 2013 - 10:10

    Mi dite cosa serve non aumentare l'IVA di un punto quando poi ci aumentano dal 4% al 10% le altre cose? Ci stanno trombando senza sputo e noi sorridiamo? Berlusconi è meglio che si sveglia altrimenti fare il GRANDE BOTTO!!! Si perla di aumenti su accise dei carburanti alcolici e altre cose ancora. Questi pensano solo al loro interesse e Berlusconi ha preso la via di questi personaggi! Non bisogna RIMANDARE un cazzo di nulla, bisogna ABROGARE ogni tipo di aumento in essere e diminuire le tasse del 30%!! Oggi mi danno delle agevolazioni se assumo, forse non sanno che sto licenziando per mancanza di lavoro? Mi danno aiuti se apro una attività, ma non sanno che stiamo chiudendo le attività per mancanza di lavoro? Ma come sono bravi questi COGLIONI al governo!! E Berlusconi gli va appresso con queste cazzate invece di fare cadere subito questo teatrino che non ha alcun effetto sulla nostra economia. Poveri fessi tutti gli italiani!!

    Report

    Rispondi

blog