Cerca

Il governo sbaglia i calcoli

Def, deficit-Pil Italia al 3,1%. Letta: "Rientriamo entro l'anno"

Via libera dai ministri. Il premier: "Colpa della discesa dei tassi e dell'instabilità politica. Ma rispetteremo i patti con l'Ue". Sarà vero?

Def, deficit-Pil Italia al 3,1%. Letta: "Rientriamo entro l'anno"

L'Italia sforerà il rapporto del 3% deficit/Pil per pochi giorni, ma poi riaggiusteremo tutto. Come dire: sì, sbandiamo, usciamo di strada ma torniamo in carreggiata. Niente incidente, per ora, ma dal meccanico (dall'Ue) forse ci dovremo passare comunque. Il governo ha dato il via libera alla nota di aggiornamento al Def ed è il premier Enrico Letta ad annunciare: "Trovate il deficit al 3,1% che a legislazione vigente è l'attuale deficit, e confermo l'impegno a stare sotto il 3% alla fine dell'anno. Il passaggio riguarda un aggiustamento di uno 0,1% che è assolutamente alla portata e che non necessiterà interventi particolari". In sostanza: l'Unione europea si fidi, i patti verranno rispettati. "L'interruzione della discesa dei tassi e la ripresa dell'instabilità politica pesa sui conti e per questo non siamo stati in grado di scrivere oggi il 3%". Nessun errore nei conti, dunque, la colpa è degli altri. Meglio, del mondo intero. Nell'attesa, assicura Letta, sono garantiti "12 miliardi di euro nel triennio di interventi in corso per rilanciare l'economia, aiutare l'occupazione, riuscire a far sì che il nostro Paese abbia il segno più davanti agli indicatori giusti". 

"Al 3% entro fine anno" - Il ministro dell'Economia Fabrizio Saccomanni è naturalmente in linea con il premier. "Crediamo che il lieve scostamento registrato venga corretto rapidamente, si tratta di un dato monitorato attentamente dalle stanze europee". "Il 3% - continua - è il dato su cui noi intendiamo collocarci da qui a fine anno ed è il presupposto per soffocare gli elementi di tensione dei mercati finanziari". Dalle ultime indicazioni, ha spiegato parlando dello spread, emerge che "il sosrpasso della Spagna è stato di breve durata", mentre l'obiettivo alla fine del periodo è di arrivare a quota 100 rispetto ai Bund tedeschi. "I dati riportati su questo documento - precisa poi Saccomanni - si inscrivono nel contesto delle raccomandazioni Ue". Il quadro comunque non è positivo: come conferma il ministro degli Affari regionali Graziano Delrio, le stime del Pil per il 2013 sono riviste al ribasso rispetto ad aprile, -1,7 per cento. Come farà il governo a recuperare quello 0,1% in eccesso da qui ai prossimi 3 mesi resta un mistero. L'ipotesi già prospettata nelle ultime ore da più ambienti, soprattutto vicini al Pd, è la solita: rivedere l'abolizione dell'Imu sulla prima casa, reintroducendo la tassa e facendola pagare al 10% rappresentato da proprietari di abitazioni di pregio. Tanto più che proprio oggi i Comuni hanno avvertito che se non verranno rimborsati entro domenica prossima i 2,4 miliardi delle prima rata, i sindaci non avranno soldi per pagare i dipendenti. "A fine settimana arriveranno i rimborsi", giurano da Palazzo Chigi. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • libero

    21 Settembre 2013 - 09:09

    non avevano forse detto di avere gia' recuperato dall'evasione fiscale piu' di tre miliardi?

    Report

    Rispondi

  • FabriD

    21 Settembre 2013 - 00:12

    no non hai scritto joe condor ... sulla fronte hai scritto Pi.... !!! Quando si dice che siamo governato da chi non sà fare 2+2 con la calcolatrice !!! 3,1 ha già una cifra dopo la virgola (disatro) ... ma che non dice nulla ... è ora di tasse e di svendite .... Europa e super imprenditori in cerca di regali batton cassa ... la parola Sperad è ormai bruciata ... ed ecco il tetto del 3% !!! e come se entrando nell'euro ci fossimo fermati ad un banchetto del gioco delle tre carte ... e ora continuassimo a ciederci perchè perdiamo !!!! perchè è una fregatura !!!!Io se fossi in Letta ... correrei dalla culona tedesca ... per farmi consigliare ... come impoverirci ancora ... chi meglio di una bambina cresciuta nell'invidia può dire come rovinarci meglio... corri joe condor .... corri !!!

    Report

    Rispondi

  • FabriD

    21 Settembre 2013 - 00:12

    no non hai scritto joe condor ... sulla fronte hai scritto Pi.... !!! Quando si dice che siamo governato da chi non sà fare 2+2 con la calcolatrice !!! 3,1 ha già una cifra dopo la virgola (disatro) ... ma che non dice nulla ... è ora di tasse e di svendite .... Europa e super imprenditori in cerca di regali batton cassa ... la parola Sperad è ormai bruciata ... ed ecco il tetto del 3% !!! e come se entrando nell'euro ci fossimo fermati ad un banchetto del gioco delle tre carte ... e ora continuassimo a ciederci perchè perdiamo !!!! perchè è una fregatura !!!!Io se fossi in Letta ... correrei dalla culona tedesca ... per farmi consigliare ... come impoverirci ancora ... chi meglio di una bambina cresciuta nell'invidia può dire come rovinarci meglio... corri joe condor .... corri !!!

    Report

    Rispondi

  • FabriD

    20 Settembre 2013 - 23:11

    Così disse il mortadella!!! E c'è chi lo voleva presidente della repubblica!! e Monti il professore , che ne ha fatto di tutti i soldi delle tasse ?... ah già servivano agli amici banchieri !! C'è qualcuno dei pagatori di tasse a cui frega del tetto del 3% ?? Non cercate di chiedervi a cosa serve ... serve solo a giustificarci tasse ... credendo che ce la beviamo !!! Le paghiamo perchè obbligati ... ma le fiabette raccontatele alla base di sinistra ... hai cantanti famosi ... hai giornalisti .... agli intelettali !! Che a non accorgersi che europa e Euro sono solo una fregatura ... beh bisogna proprio essere di sinistra ... ma convinti però !!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog