Cerca

Il volume

TUTTE LE BUGIE SULL'EURO 
Ecco la guida per uscirne  
SCARICA E LEGGI

TUTTE LE BUGIE SULL'EURO 
Ecco la guida per uscirne  
SCARICA E LEGGI

È davvero l’euro la causa principale dei nostri guai? E che cosa succederebbe se l’Italia decidesse di uscirne? Che avverrebbe dei  nostri risparmi, del nostro conto corrente, del mutuo per la casa? E la  prevedibile svalutazione della  rinata lira, oltre a favorire il nostro export,   provocherebbe inflazione?  La benzina  aumenterebbe a dismisura? E poi: senza i vincoli europei,    dovremo rassegnarci ai nostri mali storici,  spesa pubblica e debito fuori controllo? Non dovremmo piuttosto concentrarci sulle riforme per rendere la nostra economia più competitiva piuttosto che imboccare la scorciatoia dell’addio all’euro? Sono solo alcune delle domande che tutti si fanno quando si prospetta l’ipotesi di uscire dall’euro.  Quesiti che sono stati messi  nero su bianco dall’economista dell’Università Cattolica di Milano  Claudio Borghi in un agile volumetto, che ha la postfazione del leader della Lega Nord Matteo Salvini,  uno dei più convinti sostenitori dell’addio all’euro.   Il libro,  titolato  Basta euro. 31 domande, 31 risposte. La verità che nessuno ti dice (34 pagine), sarà presentato sabato 22 febbario alle 15  a Milano da Borghi e Salvini presso la sala congressi di via Corridoni 16.  

 

 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • roypalme26

    10 Aprile 2015 - 16:04

    un paese malato di corruzione, evasione fiscale, riciclaggio, falsificazione, e poi i falsi ciechi che incassano pensioni, artigiani che danneggiano il made in italy con la contraffazione e magari con giocattoli contro la salute dei bambini, spregiudicati imprenditori o funzionari che truccano appalti, pagano mazzette, beffano l'amministrazione pubblica, nel 2014 sono stati scovati 8 mila evasori

    Report

    Rispondi

  • roypalme26

    10 Aprile 2015 - 16:04

    Purtroppo la privatizzazione arranca veloce ne subiremo le conseguenze, siamo agli inizi non illudiamoci il benessere sarà solo delle banche private e dei mercati con tassi altissimi. Prima lo stato italiano non era indebitato, ci hanno distrutto levandoci la nostra sovranità costretto alla flessibilità il 75% disoccupazione che sfiora il 45% e con il 50% delle pensioni che non arrivono nemmeno a

    Report

    Rispondi

  • acstar

    11 Marzo 2014 - 17:05

    GIUSTISSIMO...........: il debito pubblico lo farei pagare a tutti i politici da40 anni a questa parte, comprese le genìe fino alla quarta generazione !

    Report

    Rispondi

  • runner.blade

    07 Marzo 2014 - 12:12

    Ritengo questo pamphlet utile per rischiarare la mediatica intenzione di convincere il popolo italiano a sostenere la nostra permanenza nell'Euro. Coloro che insistono ad appoggiare le forze occulte dell'Euro non amano il futuro di questo Paese. Grazie Direttore per aver pubblicato questo vedemecum. Lo scrittore Lino Arenare

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog