Cerca

La Cancelliera

Opportunista, 'traditrice', senza senso della storia: ecco l'impietoso ritratto della Merkel

Peter Schneider ripercorre le tappe che la hanno portata al potere: dall'editoriale contro Kohl, alla capacità di sbarazzarsi degli avversari, al suo 'fiuto' politico

Angela Merkel

Angela Merkel

Buona a nulla, capace di tutto. Si potrebbe sitetizzare l'impietoso ritratto che lo scrittore Peter Schneider ha fatto di Angela Merkel per D - Repubblica. Nata nella vecchia DDR, donna, divorziata e senza figli, la Merkel è risucita nell'impresa di scalare un partito tradizionalmente cattolico e maschilista, oltre ad essere la prima donna a ricoprire la più alta carica dello Stato. Figlia di un pastore protestante, studia fisica a Lipsia, mostrando un attegiamento piuttosto collaborativo con le autorità della DDR. Niente, insomma, che lasciasse presagire un suo impegno in politica. 

La coltellata a Khol - La scalata al potere della Merkel inizia con l'adesione, poco prima della caduta del Muro di Berlino, a "Insurrezione Democratica", movimento che poi aderì alla Cdu, il suo attuale partito. E' "il primo atto di ribellione di Angela Merkel", scrive lo scrittore. Ma la sua fortuna politica nasce da un 'tradimento': quello consumato, nel 1998 ai danni di Helmut Kohl, suo padre politico e indimenticabile Cancelliere della Germania per 16 anni. Quell'anno, Kohl fu coinvolto in uno scandalo sui finanziamenti illeciti e la Merkel vergò un editoriale chiedendo che sulla questione venisse fatta piena luce. Una coltellata che affossò Kohl e spalancò le porte del potere alla Merkel. 

Ha fatto piazza pultia dei concorrenti - Oggi la Merkel è il leader incostratato della Germania. Praticamente, non ha avversari ne all'interno della Cdu ne tra gli altri partiti. Commenta Schneider: "E' un mistero ancora irrisolto come Angela Merkel sia stata in grado di fare piazza pulita di tutti i possibili concorrenti del suo partito". Nemmeno il leader della Spd è in grado di impensierire la Merkel. Scrive Schneider: "Sin dai primi mesi del suo mandato (...) iniziò a guardarsi intorno con attenzione nei vivai della Spd e dei Verdi e cominciò a trapiantare ogni germe di idea che dimostrasse un potenziale di crescita, apponendovi l'etichetta della Cdu: abbandono del nucleare, salrio minimo garantito, giustizia sociale". 

Opportunista, inadatta a guidare l'Europa - Una delle qualità più impressionanti della Merkel, sottolinea Schneider, è il suo opportunismo politico: "Sotto il suo 'regime' la Cdu/Csu si è rivelato il partito più abile nelle trasformazioni, o forse sarebbe meglio dire nell'opportunismo". In Germania, la Merkel è stimata, gode di un certo consenso, grazie anche alla sua abilità di capire, con invidiabile tempismo, dove soffia il vento della maggioranza. Tutte doti e qualità che, se proiettate in Europa, si trasformano in difetti. Conclude impietoso Schneider: "Alla signora Merkel sembra mancare il senso della "Impresa Europa" e del suo significato storico". E ancora: "Purtroppo, come leader di uno dei maggiori stati europer, la Merkel non sembra essere la eprsona giusta al posto giusto".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Peo

    07 Luglio 2013 - 13:01

    Nella Germania (ex ovest) vivono ancora indisturbate e "sconosciute" ventimila ex spie dell'Est. La Merkel aveva per caso con sè una valigetta quando è (purtroppo) arrivata tra noi?

    Report

    Rispondi

  • pricippo

    07 Luglio 2013 - 12:12

    TUTTI FUORI DA QUESTA EUROPA DEI PAPPONI. RITORNO ALLA VECCHIA CARA LIRA. BASTA CON QUESTA MAGNA CRAUTI DELLA MERKEL. P O R C A M E R K E L !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • neottolemo

    06 Luglio 2013 - 22:10

    Se decidessimo di uscire dall'Unione, sull'istante ci troveremmo in una situazione che nel migliore dei casi sarebbe tragica.Anche con la possibilità di emettere moneta non so come potremmo mantenere in vita il nostro mastodontico sistema Italia, che è ormai diventato un mostro che divora tutto il nostro bilancio. Gli ottimisti ad oltranza ipotizzano che con una lira svalutata le nostre esportazioni riprenderebbero quota e saremmo in grado di competere con la Germania. Gli stessi sembrano però dimenticare che tutti noi cittadini ci troveremmo sicuramente con un reddito molto basso, in quanto svalutato, e quindi con scarsa possibilità di acquisto di beni. In una situazione del genere l'unico fatto positivo potrebbe essere il disagio dell'UE che potrebbe portarla ad una profonda riflessione sul proprio futuro, con conseguente rifondazione di una Unione politica, fiscale, militare, insomma veri Stati Uniti d'Europa, in cui anche noi potremmo rientrare.

    Report

    Rispondi

  • albinoalbanofree

    06 Luglio 2013 - 19:07

    L'analisi di Peter Schneider sull'incapacità politica di Angela Merkel a guidare l'Europa può essere arricchita di altri aspetti in europa. Se esaminiamo la figura in Francia di François Hollande si può dire che tra i presidenti francesi è uno che è una mezza figura. Non è in grado di portare proposte in Europa. Il vecchio Continente sin dal 1945 dopo la seconda guerra mondiale è condannato ad un declino inarrestabile. Hanno tentato di far risorgere l'|Europa, Konrad Adenauer che fu il fautore dell'asse franco-tedesco con il presidente Charles De Gaualle, Alcide De Gasperi. Su un aspetto dall'analisi di Schneider non si può essere d'accordo: la Cdu partito maschilista. In Germania la donna è veramente alla pari dell'uomo. Infatti esiste oltre che la figura della "Haaufrau" (casalinga) anche l'Hausmann (il casalingo) in Italia specie al Sud è una vergogna . In Germania no se la donna ha reddito più alto e per accudire i figli piccoli ci pensa l'uomo. In politica c'è la Merkel.

    Report

    Rispondi

blog