Cerca

La provocazione

Charlie Hebdo, nuova vignetta anti-Islam: "Il Corano è una m..."

Altro affondo del settimanale satirico francese: "Il libro sacro non ferma nemmeno le pallottole"

La copertina di "Charlie Hebdo"

La copertina di "Charlie Hebdo"

Una nuova vignetta anti-Islam del settimanale satirico francese Charlie Hebdo. In questa occasione lo spunto viene dalle manifestazioni in Egitto che tra morti e feriti hanno seguito il colpo di stato con cui è stato deposto Morsi. Nel disegno su fondo rosso sangue, dal titolo "Uccisioni in Egitto", c'è un uomo con i tradizionali abiti musulmani che stringe un Corano. Il libro sacro viene però trapassato da alcuni proiettili. Eloquente la didascalia: "Il Corano è una merda, non ferma le pallottole". Immediate le dure reazioni del mondo islamico. I media arabi, però, hanno invitato a reazioni improntate alla calma e all'intelligenza. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Mena1996

    16 Giugno 2015 - 09:09

    Ci sono tantissimi musulmani in Francia a cui tale vignette scivolavano addosso, forse non è così assurda "l'arte di Charlie". Ho fatto molti commenti, quindi credo che sia un po' difficile mantenere il filo del discorso.

    Report

    Rispondi

  • Mena1996

    16 Giugno 2015 - 09:09

    E comunque i vignettisti realizzavano tali lavori su tutte e tre le religioni monoteiste.quella islamica era solo da qualche tempo al centro dell'attenzione della redazione, ma fino a poco tempo vi era il nostro Papa Benedetto XVI. Crediate che lo Stato Pontificio non ne sia a conoscenza? che sia stupido? o che in realtà è probabilmente così intelligente da capire cosa sia la satira?

    Report

    Rispondi

  • Mena1996

    16 Giugno 2015 - 09:09

    Seppur animale politico, l'uomo basta per se, tutto il resto sono ideologie che lui stesso ha creato, in fondo se davvero Maometto Gesù siano realmente esistiti, sono pur sempre degli uomini, quindi.

    Report

    Rispondi

  • Mena1996

    16 Giugno 2015 - 09:09

    Charlie è un giornale laico e come tale ritiene che la religione sia l'oppio dei popoli, proprio come Karl Marx. Noi crediamo per fede, ma fino a prova contraria nessuno sa se ciò che è scritto nei testi sacri siano baggianate o meno, Charlie diffondeva la propria visione della realtà, voleva che l'uomo capisse davvero che non ha bisogno di nessuno per realizzare se stesso.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog