Cerca

Il covo

Libia, la foto della stanza degli stupri di Gheddafi

Le immagini del luogo in cui le vergini scelte dal rais venivano vessate: "Migliaia di ragazze violentati". Costrette a far sesso davanti a film hard

La stanza dove Gheddafi stuprava le ragazze

La stanza dove Gheddafi stuprava le ragazze

Jacuzzi, film porno e aborti. E' questo il menù horror della stanza di Muammar Geddafi (che potete vedere nella foto). In un covo nascosto nell'Università di Tripoli e in altri bunker della capitale il rais stuprava e picchiava migliaia di ragazzine. Molte di loro erano vergini tenute prigioniere per anni e sottoposte a continue violenze da parte dell'ex dittatore. E nelle stanze dell'orrore, Gheddafi ha continuato a stuprare le ragazze anche durante i due anni successivi alla sua caduta prima della sua morte per mano di un ribelle libico. Il luogo dove venivano consumati gli stupri appare per la prima volta in tv mostrato da un documentario della BBC.  "In una stanza - come si legge su www.dailymail.co.uk - c'è un letto e una lampada e tutto è rimasto così come il dittatore lo aveva lasciato. Impressionante è la stanza ginecologica, dove le giovani vittime venivano esaminate per accertasi che non fossero malate e dove abortivano se erano rimaste incinta".

Le vergini -  La selezione delle vergini avveniva all'università dove il Rais teneva alcune lezioni. Gheddafi individuava tra le studentesse le sue prede per poi portarle nel suo bunker. Una ragazza, violentata dal despota quando aveva 15 anni e per sette anni, ha raccontato tutto. Fu scelta per portare dei fiori al colonnello quando si presentò nella sua scuola di Sirte. Lui le diede un buffetto che lei considerò un gesto paterno, ma il giorno dopo tre donne in uniformi militari si presentarono dai suoi genitori dicendo che lei era stata scelta per fare altri omaggi floreali. Invece fu portata nel covo, dove lui ordinò alle soldatesse di prepararla. La ragazza venne spogliata e vestita con una minigonna. Ad aspettarla c'era il Rais nudo nella sua alcova pronto per violentarla. Fu tenuta lì e violentata per 7 anni, riuscì a fuggire quando una porta fu lasciata aperta per errore. ll Raìs quando abusava delle ragazzine ero pieno di cocaina, alcol e viagra. Insieme ai dissidenti, le giovani spesso venivano uccise e messe nei freezer. Le ragazze che sopravvivevano erano cedute ai suoi figli e ad altri alti ufficiali, che potevano continuare ad abusarne. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Rockcrawler

    30 Gennaio 2014 - 18:06

    Scusate ma a queste sparate sui dittatori dopo che sono morti non ci credo molto... Chiunque potrebbe scrivere qualunque cosa... Oltretutto con i soldi che aveva poteva benissimo pagarsi delle escort di lusso (è pieno il mondo), trombarla e rimandarla a casa tranquilla senza doverla uccidere o farla abortire... Che ghettafi non fosse bello come brad pitt va bene ma considerate che la gayet è andata con hollande gratuitamente....

    Report

    Rispondi

  • blu521

    29 Gennaio 2014 - 16:04

    Per farla corta ho detto: ammesso e non concesso. Lei insiste, e mai insistenza fu più fuor di luogo. Che la sinistra abbia organizzato manifestazioni anti-USA mi lascia piuttosto tiepido; a mia memoria ha fatto il lavoro di sempre e non vedo la novità. Che il cammelliere abbia fatto affari con quasi tutti non è una novità, così come è risaputo che vari ministri e premier italiani si siano recati in visita a Tripoli. Ma che qualcuno gli baciasse le mani lo trovo strepitoso. Lei invece è dell'opinione che baffino lo abbia fatto di nascosto. La differenza tra un bananas e un normale è tutta qua. Non vorrei turbarle i sonni, ma si è mai chiesto come mai la Libia, che è stata una colonia italiana dal 1913 fino alla fine delle guerra, non ha mai fornito una goccia di petrolio all'Italia? Si figuri che il nano per ringraziare aveva promesso di costruire un'autostrada (a spese nostre) in Libia come "riparazione" dei danni di guerra. Ricambio i saluti. Bananas!

    Report

    Rispondi

  • alvit

    28 Gennaio 2014 - 17:05

    Grazie di avermi pubblicato il postato sulle stanze dei komunisti passati. Sempre falce e martello?????avanti così...

    Report

    Rispondi

  • alvit

    28 Gennaio 2014 - 17:05

    B gli avrà baciato le mani, ma pensa baffino, cosa credi gli baciasse quando si inchinava??? Un po' di somiglianza con te e del tuo bel cubano si vedeva tutta. Cetriolone fuori misura (5/6 cm.)

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog