Cerca

addio cannabis 

Ortensia come la marijuana: l'ultima folle moda

Rilassanti all’occhio facili da seccare e ora anche invitanti da fumare. Dopo i papaveri anche le ortensie diventano una nuova droga da aspirare

Ortensia come la marijuana: l'ultima folle moda

Non venivano rubate per un commercio clandestino, bensì  per sballarsi. Rilassanti all’occhio, folte tanto da riempire una buona parte di terreno (e per questo orgoglio dei giardinieri), facili da seccare e ora anche invitanti da fumare. Dopo i papaveri  anche le ortensie diventano una nuova droga da aspirare. La scoperta l’hanno fatto prima i tedeschi da qualche anno, ma l’attività di saccheggio per spinelli foreali si è diffusa  a macchia d’olio, arrivando fino nel nord della Francia. Ma attenzione. Se il fumo può uccidere nel lungo periodo, l’ortensia uccide per soffocamento nel breve.

Il giardino francese spogliato  – L’allarme è scattato nel nord della Francia, dove da qualche settimana i giardini della zona di Hucqueliers, vicino a Boulogne-sur-mer, vengono sistematicamente spogliati. Anzi, più che spogliati, tagliati totalmente, dal momento che non solo le foglie e i fiori una volta seccati avrebbero effetti simili alla marijuana, ma anche i gambi. Secondo la tv France 3 Nord-Pas-de-Calais, la “banda delle ortensie” non agirebbe per decorare il giardino di casa, ma per fumarla, mescolando i petali con le foglie di tabacco. Questo sostituto sarebbe molto meno caro e soprattutto meno rischioso sul piano penale per i trafficanti. Proprio per questo in alcune città del sud della Germania, lo scorso anno, hanno vietato la pianta in alcuni giardini pubblici. Naturalmente risulta difficile però impedire alle persone di piantare l’ortensie nel proprio giardino.  

Gli effetti – “E’ strettamente sconsigliato fumare le parti aeree essiccate di questa pianta” ha dichiarato qualche tempo fa Kurt Hostetmann, professore di farmacologia a Losanna. Gli effetti sarebbero più gravi dello spinello tradizionale: problemi gastrointestinali, respiratori, accellerazione del ritmo cardiaco, perdita di conoscenza. Infine, quell’innocua pianta colorata, potrebbe causare anche la morte.  Secondo il professore “alcune sostanze contenute nella pianta si trasformano in acido cianidrico, più noto come Zyklon B, che i nazisti usavano nelle camere a gas e che può provocare una morte per soffocamento”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fullbank

    05 Febbraio 2014 - 14:02

    prima di tutto bisogna essersi fumati il cervello!!!! non a caso solitamente chi fuma ha cominciato a fumare da adolescente , quando il cervello non è ancora formato del tutto . comunque si può smettere se non ti sei fumato tutto il cervello.........

    Report

    Rispondi

  • biasini

    05 Febbraio 2014 - 11:11

    Quando ero ragazzino, tanti e tanti anni or sono, fumavamo petali di rosa essiccati. Non male. Intontivano un pò....

    Report

    Rispondi

blog