Cerca

L'Iran non spegne il nucleare

Ahmadinejad interviene alla conferenza dell'Onu e le delegazioni occidentali lasciano la sala

L'Iran non spegne il nucleare

Gli Stati Uniti "sono i responsabili della proliferazione nucleare. L'utilizzo di armi nucleari da parte degli Usa ha scatenato una corsa al nucleare". Su queste affermazioni del presidente iraniano Ahmadinejad alcune delegazioni occidentali, Italia, Usa Gran Bretagna e Francia, hanno lasciato la sala del Palazzo dell'Onu, dove si teneva la conferenza quinquennale di revisione del Trattato di non Proliferazione nucleare (Tpn). E' caduta nel vuoto così la richiesta del premier di eliminare le armi nucleari americane dai Paesi in questione.

 

"L'Iran non rinuncerà a nessuno dei suoi diritti inalienabili sul nucleare". Questo in sintesi l'Ahmadinejad pensiero espresso nel corso dell'"incontro". Il discorso è basato solo sulla sicurezza, vista come diritto dell'Iran di sviluppare il nucleare civile per disincentivare le potenze nemiche a utilizzare armi atomiche. La visita è volta a "consegnare al mondo il messaggio di pace e di amicizia dell’Iran e a dimostrare che la Repubblica iraniana è più potente che mai mentre l’arroganza globale si è indebolita", sostiene Forouzandeh. E ancora, "La partecipazione di Ahmadinejad alla Tpn è la prova che l’Iran vuole una pace durevole e la sicurezza nel mondo, al contrario dei paesi colonialisti che minacciano gli altri con le bombe nucleari, i quali proseguono con estrema lentezza al disarmo".


Scambio combustibile - L'Iran «ha accettato la proposta di scambio» di combustibile nucleare avanzata dall'Agenzia Internazionale per l'Energia Atomica (Aiea). Secondo la bozza d'accordo, Teheran dovrebbe consegnare il suo uranio arricchito al 3,5 per cento ricevendo in cambio combustibile nucleare arricchito al 20 per cento. Il problema è proprio nelle modalità, Teheran continua a chiedere uno scambio sul proprio territorio, mentre le potenze occidentali e la Russia si oppongono a questa formula.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gimet

    05 Maggio 2010 - 08:08

    Non sono in grado di percepire gli alti giochi della politica. Una cosa però sò per certo; loro hanno il petrolio e noi occidentali no!! Sarà un caso questo accanimento? Quei bamboccioni di americani sarà ora che si diano una sveglia, il pianeta non è di loro proprietà, è di tutti.

    Report

    Rispondi

  • ado

    04 Maggio 2010 - 13:01

    Non c'entrano i milionari Di pietro o Travaglio o Guzzanti. Credere alle balle di Usa, Berlusconi, Lega, eccetera è un vero e proprio insulto all'intelligenza ed all'umanità. Il mondo è alla deriva.

    Report

    Rispondi

  • franziscus

    04 Maggio 2010 - 12:12

    vieni qui che ti facciamo un culo come una capanna !

    Report

    Rispondi

  • alpinofriz

    04 Maggio 2010 - 12:12

    leggendo gli ultimi commenti mi rendo conto che l'Italia non la salveremo più ! Al posto degli USA in Italia ci vorrebbe Fidel o un bel stato confessionale mussulmano così, questi ignoranti infami sapientoni sarebbero contenti. Male hanno fatto ad intervenire gli USA a suo tempo perchè ora parleremmo tutti tedesco, avremmo una moneta unica, un'economia di ferro e i Komunisti con due metri di terra sopra la pancia, compresi quelli della grande madre Russia. Per quanto riguarda la corruzione non mi stupisco più di leggere insulti dagli amici di Greganti, Di Pietro con i soldi in una scatola dfi cartone. Insultare e proferire giudizi sommari per qualcuno è un segno di intelligenza e parlano di paraocchi... loro che hanno messo il cervello all'ammasso proletario o credono a tutte le "balle" di DiPietro & Co.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog