Cerca

Addio doloroso

Berlusconi in lacrime ai funerali di Cantoni

Berlusconi in lacrime ai funerali di Cantoni

Si è commosso Silvio Berlusconi ai funerali del sentore Giampiero Cantoni, scomparso mercoledì scorso, che si sono svolti oggi a Milano. "Conoscevo Cantoni da oltre 40 anni - ha ricordato Berlusconi con le lacrime agli occhi - e siamo sempre stati legati da comuni  battaglie anche nei momenti di maggiore impegno, di maggiore passione   e di maggiore tensione". 

"Quello che colpisce - ha proseguito commosso - è che sia accaduto così   all’improvviso. Ci si parla alla sera poi al mattino uno non c'è più  questa è la verità". Quindi, citando Giuseppe Ungaretti  "siamo come d’autunno sugli alberi le foglie".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • doblone

    13 Maggio 2012 - 12:12

    Comincia a rendersi conto che non arriverà a 120 anni,si avvicina anche per lui!!

    Report

    Rispondi

  • frank-rm

    13 Maggio 2012 - 08:08

    Con l'aumentare degli anni aumenta anche la sensibilità al pensiero della propria morte perché nessuno ne è immune, neanche illo

    Report

    Rispondi

  • Borgofosco

    13 Maggio 2012 - 07:07

    La crisi si sta avvitando su se stessa per le scelte fatte, e forse colpevolmente condivise parzialmente, anche da Silvio Berlusconi. L'Italia è arrivata a questa situazione, così come lo aveva previsto Gianni De Michelis, partendo all'indomani della caduta del muro di Berlino. l'accettazione del sistema globale con l'adesione alla moneta unica, sancita dai patti stipulati a Maastricht, furono i gravi errori che ci hanno portato al dissesto odierno. Le lacrime sentite di Silvio, spese per un suo amico e la riflessione sulla poesia di Ungaretti, dovrebbe far riflettere anche quei cinici che commentano nei post. Tant'è, il male italiano è quello di pensare che le colpe siano sempre di altri. Con gente simile è impossibile che l'Italia si risollevi. Le prime cose da analizzare sono i propri errori, ma, è vigliacco il modo di distorcere realtà storiche confondendole con vizi e comportamenti personali. Silvio non si è appropriato, a differenza di altri, di un centesimo di pubblico denaro!

    Report

    Rispondi

  • Andrea.s

    12 Maggio 2012 - 10:10

    era ora che piangesse per qualcosa un pò anche lui...gli Italiani oramai lo fanno da 3anni...non san più cosa tagliarsi per far quadrare i conti e lui invece negava sempre tutto sulla crisi! Lui piange per la scomparsa di un amico...noi per la merda di mal governo degli ultimi anni!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog