Cerca

La terra trema

Oltre 100 scosse nel Nord Italia
Sette vittime, emergenza sfollati

Sisma in Emilia Romagna, oltre 50 feriti. Gravissimi danni ad abitazioni e imprese

Oltre 100 scosse nel Nord Italia
Sette vittime, emergenza sfollati

La terra ha tremato nel nord Italia e ha mietuto sette vittime, una cinquantina i feriti e almeno cinquemila sfollati, ma le stime restano molto prudenti. Sono ore convulse e di disperazione per l'Emilia Romagna, dove lo sciame sismico è continuato tutta la domenica con almeno 75 scosse, che sono diventate cento nella notte tra domenica e lunedì. La più forte dopo quella devastante della notte tra sabato e domenica - magnitudo 6.0 - è stata registrata alle 15.18: il sisma di magnitudo 5.1 ha provocato il ferimento di un pompiere intento in un sopralluogo. Nell'ultima notte una scossa di magnitudo 3.7. Incalcolabili i danni economici, compresi quelli alle chiese e al patrimonio artistico. Lunedì mattina le scuole restano chiuse per le verifiche dei tecnici. Il presidente della regione Emilia Romagna, Vasco Errani, formalizzerà la richiesta d'emergenza nella riunione del Consiglio dei ministri di martedì. Il premier Mario Monti ha anticipato il suo rientro in Italia dal vertice Nato di Chicago dopo le emergenze in Emilia e a Brindisi.

Le vittime - Cinque vittime sono morte sotto alle macerie, e una in seguito a un malore. La prima vittima, un operaio di 29 anni, è rimasta schiacciata dal tetto dell'azienda Uru di Ponte Rondoni di Bondeno, nel ferrarese. Un altro operaio ha perso la vita mentre lavorava in turno alla Tecopress, fonderia a ciclo continuo di Dosso, frazione di Sant'Agostino. Altre due vittime a Sant'Agostino nel reparto monocottura della Sant'Agostino Ceramiche. Una signora di 103 anni, sempre nel ferrarese, è morta per il crollo del tetto della sua abitazione. Una donna tedesca stava invece dormendo a Sant'Alberto di San Pietro in Casale, nel bolognese, ed è morta per un malore. Può essere conteggiata tra le vittime del terremoto anche una 86enne di Vigarano Mainarda che si è sentita male dopo la scossa della mattina ed è deceduta dopo il ricovero all'ospedale a causa di un ictus.

Gli sfollati - Franco Gabrielli, il capo della Protezione Civile, ha assicurato che la priorità sarà trovare al più presto una sistemazione per gli sfollati. La maggior parte dei 3mila rimasti senza tetto si trova nel modenese (circa 2.500 persone), altri 400 sono in provincia di Ferrara e un centinaio a Bologna. Ma il numero degli sfollati è decisamente più alto: solo a Finale Emilia e nei paesi più vicini all'epicentro sono 5mila le persone che al momento non vogliono rientrare nelle proprie abitazioni (anche se ritenute sicure) per paura di una nuova scossa. Sono già stati allestiti i primi centri di accoglienza. Sono stati evacuati anche 500 detenuti del carcere di Ferrara, tra i quali alcuni collaboratori di giustizia. Dopo che lo sciame sismico si sarà ridotto, gli edifici con crepe ma stabili saranno messi in sicurezza e la gran parte degli sfollati potrà rientrare a casa propria.

La scossa - L'epicentro della prima scossa è stato registrato a San Felice sul Panaro, in provincia di Modena e a 36 km da Bologna. L'ipoecentro, secondo l'Ingv, era a 6.3 chilometri di profondità. Il terremoto è stato avvertito in diverse regioni del Centro e Nord Italia: Toscana, Veneto, Lombardia, Liguria, Marche, Trentino Alto Adige e Friuli Venezia Giulia. Danni lievi anche in Veneto, in provincia di Rovigo. Notte di paura anche a Milano e in altre zone della Lombardia, dove la scossa è stata percepita distintamente. Anche in sette comuni lombardi (Moglia, Sermide, Felonica, San Giacomo delle Segnate, San Giovanni del Dosso, Poggio Rusco e Quistello) sono stati registrati danni a edifici pubblici e privati. Anche la Lombardia ha chiesto lo stato di emergenza.

Danni al patrimonio artistico - Gravissimi i danni a case, aziende e patrimonio artistico. A Sant'Agostino sono crollati diversi capannoni industriali, quello di un campanile, mentre si è squarciato il palazzo comunale. A San Felice sul Panaro è crollata la Torre della Rocca, mentre il sisma delle 15.18 ha definitivamente fatto crollare la Torre dei Modenesi di Finale Emilia, fortemente compromessa già dalla prima scossa. "I danni al patrimonio culturale, ad una prima ricognizione, risultano notevoli", ha spiegato in una nota il ministero dei Beni culturali, Francesco Profumo. I danni sono arrivati anche a Ferrara dove è stato danneggiato il castello estense, simbolo della città. Una statua all'interno della chiesa di San Giovanni in Persiceto è crollata sul pavimento e crepe hanno causato l'inagibilità alla chiesa di Caselle di Crevalcore.

Agricoltura e trasporti - La Coldiretti ha stilato una prima stima dei danni causati dal sisma nelle campagne: il costo sarebbe di circa 50 milioni di euro. Nelle campagne si sono verificati crolli negli edifici rurali. Sono stae danneggiate da 400 a 500mila forme di Grana e di Parmigiano: un danno da circa 100 milioni di euro. Allarme anche per gli animali imprigionati nelle stalle. Inevitabili disagi per i trasporti e per il traffico ferroviario in particolare. A causa della verifica dell'agilità delle linee, sabato si sono accumulati fino a tre ore di ritardo nella stazione di Bologna. Nessun problema invece per la viabilità su strada.

 

san felice sul panaro, italia

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • violacea

    21 Maggio 2012 - 19:07

    x gli sfollati proporrei subito che vengano ospitati negli alberghi come meritano , al posto dei clandestini falsi profughi, che sono stati anche troppo a nostro carico!! la guerra è finita possono tornare nei loro stati di provenienza! quelli che ci sono in giro, nessuno di loro ha visto la guerra e non sono profughi politici!!! cambio!! è l'ora dei diritti degli italiani!!!

    Report

    Rispondi

  • gerrycat

    21 Maggio 2012 - 13:01

    Mortadella dove è finito? Con le sue tre pensionii perche non aiuta la sua regione o ride ancora?

    Report

    Rispondi

  • roberto19

    roberto19

    21 Maggio 2012 - 12:12

    Ogni terremoto ci ricorda che la forza della natura non fa sconti a nessuno. La natura scuote la terra e a noi non resta che la paura nell'attesa della prossima scossa.

    Report

    Rispondi

  • Fiorbellina

    21 Maggio 2012 - 12:12

    oggi skytg24 chiedeva se eravamo disposti ad una accisa sulla benzina x aiutare i terremotati: io ho risposto NO, ma nn ho potuto dire il perchè. Non è che nn voglio aiutare i terremotati, io stessa lo sono stata in Umbria nel 1997, tuttavia lo stato impone accise (belice, kossovo etc.) che non toglie mai più, anche passata l'emergenza! Sarebbe ora che Monti e TUTTI I POLITICI comincino anche loro a togliersi qualcosa! Da scorte, a privilegi, a mega pensioni o mega stipendi, a sprechi etc. Sono sicura ce se lo facessero ripagherebbero 100 terremoti e potrebbero risistemare i conti dell'Italia. Questo nn vuol dire che io nn sia solidale e come con l'Abruzzo non sia disposta a dare una mano!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog