Cerca

Spreconi per statuto

Trentino Alto Adige peggio della Sicilia: l'autonomia dorata gliela paghiamo noi

Tasse basse e fondi da Roma: così foraggiamo masse di dipendenti pubblici

Follie d'Italia: il governatore bolzanino Durnwalder guadagna più di Obama...
Luis Durnwalder

Si sono arroccati sulle montagne, con il loro tesoro e non vogliono mollarlo. In Trentino Alto Adige-Südtirol, il 31,7% del bilancio dei Comuni è costituito da entrate extratributarie. Anche perché da quelle parti le tasse incidono in misura molto minore rispetto al resto del territorio italiano, secondo i dati Istat relativi al 2010. Così, se in una regione a statuto ordinario come la Liguria la media pro-capite è di 572 euro, in Trentino Alto Adige si scende drammaticamente a 211 euro per abitante. Il motivo è presto detto: arrivano barcate di soldi da Roma. Nella Provincia autonoma di Trento sono riusciti a chiudere il bilancio 2011 in pareggio con un “fatturato” di 4,6 miliardi, garantiti quasi interamente (3,9 miliardi) dallo Stato, che restituisce all’autonomia trentina e bolzanina i nove decimi del gettito fiscale incassato localmente.

Eredità separatista - In confronto a quanto ricevevano dopo la “Notte dei fuochi”, cioè la stagione degli attentati ai tralicci dell’alta tensione con cui nel 1961 i separatisti altoatesini chiedevano il ritorno dell’Alto Adige all’Austria, è poco. Ai tempi del patto fra la Democrazia Cristiana e la Südtiroler Volkspartei di Silvius Magnago, le cifre dei trasferimenti si aggiravano sui 10mila miliardi l’anno per 500mila abitanti. Ora il rapporto fra la popolazione e i soldi non è più lo stesso, nonostante l’alto numero di suicidi.

Eppure le competenze affidate alle istituzioni locali rimangono costanti: soltanto il 60% di quanto ricevono è giustificato dalla spesa pro capite di 406 euro per lo stipendio del personale amministrativo. E va aggiunto che se ne approfittano anche, se si considera che il numero di dipendenti pubblici è superiore alla media nazionale del 32% e si spendono tra i 7 e gli 8mila euro per i servizi generali della Pubblica amministrazione. 

Ovvio che anche i parametri retributivi siano collocati a livelli stratosferici. Fanno eccezione i 70 consiglieri delle due Province autonome, che si sono autoridotti le indennità e ogni mese intascano 5.900 euro netti rispetto ai precedenti 9.100. Per gli ultimi eletti, è saltato anche il vitalizio. Dovranno consolarsi con i rimborsi per gli spostamenti pari a 0,33 euro al chilometro fino a ottomila chilometri l’anno. Quando gli stessi consiglieri siedono in Regione, invece, si vedono rimborsati appena seimila chilometri l’anno. Un capitolo a parte, invece, riguarda il presidente della Provincia di Bolzano, Luis Dürnwalder, che, tolte le tasse, guadagna  più del presidente degli Stati Uniti: 12mila euro al mese. Il calcolo è presto fatto: al presidente va il 50% in più che a un consigliere, a un vicepresidente il 25% e un segretario questore il 12,5 per cento.

«Si potrebbe gestire meglio la spesa», spiega Rodolfo Borga, consigliere provinciale del Pdl a Trento. Sotto accusa sono «l’eccesso di dirigismo che, stante la capacità maggiore di incidere sul tessuto sociale ed economico, impone una presenza eccessiva del settore pubblico. Anche a causa della legge elettorale, che dà enormi poteri ai governatori, il centralismo ha depresso la capacità d’iniziativa delle aziende». Non ritiene necessaria quindi una cura dimagrante, perché «siamo a costo zero: non contribuiamo al bilancio dello Stato ma non pesiamo nemmeno», in quanto «la scuola, l’asilo, l’università, le strade ricadono direttamente sotto la competenza della Provincia, mentre allo Stato rimangono la giustizia, i tribunali e l’ordine pubblico».

Semmai, si poteva pensare a un risparmio in occasione del referendum, promosso dalla Lega Nord e svolto nell’aprile scorso per l’abrogazione delle Comunità di Valle, costituite nel 2006. L’opposizione le contestava come uno spreco di risorse pubbliche e un’invasione nella sfera di competenza dei Comuni. Peccato che non sia stato raggiunto il quorum. Per Borga, si tratta soltanto di «un ulteriore ente intermedio», che si traduce nell’ennesimo «strumento di controllo politico del territorio».

Sprechi di risorse - L’alternativa, le «unioni di comuni per la gestione di servizi in forma associata» potrebbe rappresentare un buon suggerimento per chi dovrà rassegnarsi a vedere calare la scure della spending review fissata dal governo. In conseguenza del decreto, i tagli per le Regioni a statuto speciale e le Province autonome si dovrebbero attestare a 600 milioni nel 2012 e a 1,2 miliardi nel 2013, senza contare il miliardo e mezzo di riduzioni previste a partire dal 2014. I governatori li sommano agli effetti delle manovre precedenti, che per il Trentino-Alto Adige ammontavano a 902 euro in meno di spesa pro-capite, e lanciano l’allarme, in nome del feticcio dell’autonomia, antico privilegio che si conserva fin dai tempi in cui facevano parte dell’Impero austro-ungarico. Per ora, la battaglia è a colpi di carta bollata. Dopo l’accordo quadro di Milano del 2010, sottoscritto con il governo precedente dai ministri Roberto Calderoli e Giulio Tremonti, sembravano essere state sistemate tutte le partite arretrate che da anni erano rimaste bloccate, impedendo il trasferimento di fondi dalle casse dello Stato. In cambio, le Province autonome si erano rese disponibili a un contributo rilevante purché fossero fissati alcuni paletti a tutela della loro “specialità”. Ma ora, con l’esecutivo Monti, la musica è cambiata. Si presenteranno impugnative e ancora una volta si finirà in un estenuante contenzioso giuridico.

Nel frattempo si tenterà l’ultima carta, pretendendo altro denaro per il passaggio di funzioni dalle Province ai Comuni. Tanto perché non finisca troppo presto l’ultradecennale stagione della pacchia.

di Andrea Morigi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • kipling

    17 Luglio 2012 - 22:10

    Trentino-Alto Adige peggio della Sicilia. Ma come mai allora la Sicilia sta sull'orlo del default e TN e BZ no? E' vero che BZ e TN incassano contributi europei, per il semplice motivo che li chiedono, presentando progetti ed eseguendoli, mentre la Sicilia non li chiede, e quando li chiede non presenta i progetti esecutivi, e le somme stanziate (milioni e milioni di euro) tornano all'Europa... E quali sarebbero le "ingentissime somme dallo stato italiano"? Le due province si sono invece accollate competenze che le altre regioni non hanno assumendosi spese che altrove spettano allo stato... E Durnwalder è pagato troppo. è vero, ma mi trovate un altro presidente (o, come si dice oggi, governatore) che la mattina alle 6 riceve chiunque chieda di parlargli per esporgli i propri problemi, le proprie idee ecc.? Quanta invidia, ragazzi. Invece di criticare le province autonome di TN e BZ (la Regione autonoma praticamente non esiste più) forse sarebbe meglio tentare di imitarle...

    Report

    Rispondi

  • christiancem

    16 Luglio 2012 - 10:10

    Sono bolzanino italiano madrelingua italiana. 1) Differenziare Trentino da Alto Adige please. 2) Le bombe in città (Bolzano) sono durate fino a quasi il 1990. 3) Il malaffare esiste anche qui: infatti si cerca di fare lavori da affidare a ditte locali, anche perchè il livello qualitativo delle opere - purtroppo - si rivela migliore se fatto da ditte locali! 4) Sprechi ci sono e ci saranno sempre: trovatemi uno spenditore pubblico che non sprechi. Il vero problema è se il sistema Alto Adige possa valere anche per il resto del paese. Inoltre si potrebbe sapere se quello che riceve è maggiore di quello che da a Roma? W Bolzano - W l'Alro Adige

    Report

    Rispondi

  • piccolo.1974

    16 Luglio 2012 - 09:09

    Sono siciliano (orgogliosamente) e per molti anni ho lavorato in Provincia di TN avendo avuto modo di conoscere molto della vita,delle abitudini e della realtà trentina.Vero che tanto la Sicilia quanto il Trentino hanno sprechi enormi,vero che la gestione pubblica del trentino è migliore di quella siciliana ma cari amici trentini siate onesti perchè non è tutto oro quello che luccica,anche da voi esistono enormi sprechi di denaro pubblico,che vi piaccia o nò quel denaro non è "solo" vostro ma anche di tutto il resto d'Italia.Affermare che i 9/10 provengono dalle vostre tasse è una banalità perchè,oltre alla rimanenza,alle casse delle due province autonome affluiscono annualmente ingentissime somme sia dallo stato italiano che dall'europa.Fate due conti,tutto quello "sperpero" non potreste permettervelo senza queste entrate! Per quelli che si sentono offesi dal paragone con la Sicilia:prima di essere snob informatevi e fate un viaggio in Sicilia.Resterete molto sorpresi!Viva TN e CT

    Report

    Rispondi

  • qwerty1995

    16 Luglio 2012 - 00:12

    Perche` si prendono una barca di soldi da noi Italiani, e si danno un sacco di arie per quanto sono bravi ed efficienti... Almeno in Sicilia non ci vengono a prendere in giro su quanto sono bravi. Si prendono i soldi e basta. Li preferisco.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog