Cerca

Terremoto 5 Stelle

Favia come Fini: "Grillo che fai, mi cacci?"

Beppe sul suo blog accusa: "Il fuorionda di La7 studiato, Giovanni vuole andare al Pd". Replica: "Il Movimento è casa mia"
Favia come Fini: "Grillo che fai, mi cacci?"

 

Una nemesi storica. Beppe Grillo, uno dei più violenti, spietati avversari di Silvio Berlusconi negli ultimi anni, che finisce per essere trattato proprio come il Cav da uno dei suoi ex fedelissimi. Giovanni Favia, il consigliere regionale emiliano del Movimento 5 Stelle, ha scatenato un terremoto politico per le frasi "rubate" da Piazza Pulita di La7. Le sue critiche a Gianroberto Casaleggio, eminenza grigia del M5S e giudicato da Favia "burattinaio di Grillo", non sono andate giù ai capi del movimento. Casaleggio ha reagito scrivendo al Corriere della Sera, mentre Beppe Grillo ha replicato direttamente sul suo blog, definendo il fuorionda di La7 un "finto scoop" gettando il sospetto che Favia avesse concordato l'uscita con il programma di Corrado Formigli. Insomma, Favia sarebbe un cospiratore, magari al soldo del nemico anti-grillino. E il consigliere emiliano ha replicato sarcastico via Twitter: "Non ho nessuna intenzione di andare nel Pd, il M5s è sempre stata ed è la mia casa. Che fai, mi cacci?”. Sì, le stesse parole usate da Gianfranco Fini all'indirizzo di Silvio Berlusconi, con tanto di dito puntato dalla platea contro il palco alla direzione nazionale del Pdl, il 22 aprile 2010. 

Le accuse di Grillo - Che tra Grillo e Favia la rottura sia ormai totale (magari non epocale come quella tra Berlusconi e Fini, d'accordo) lo aveva dimostrato d'altronde il post di Beppe che insinuava come il fuorionda di Piazza Pulita fosse stato concordato per motivi di interesse politico. Favia aveva parlato di uno "sfogo privato e scomposto" definendo come "fantascienza" ogni accusa di un attacco studiato ad hoc. Grillo però aveva portato qualche "prova" a suo favore: Pubblico.it, il sito del nuovo quotidiano diretto da Luca Telese (presente quella sera in trasmissione) ha pubblicato "un articolo completo sulla clip già alle 22.23, mentre il tutto va in onda alle 22.27 con le rivelazioni che passano su La7 alle 22.28: preveggenza o più semplicemente preparazione adeguata del pezzo?". Quindi l'affondo sul consigliere emiliano, che "non è lo sprovveduto che pensiamo in balia del giornalista cattivo e di una tecnologia sconosciuta. E’ abituatissimo alle interviste - sottolinea Grillo - dato che il suo presenzialismo in tv ormai è noto a tutti ma, soprattutto, conosce benissimo le dinamiche audiovisive". La tesi dell’articolo arriva a delineare scenari di convenienza politica. "La fine mandato, prossima per Favia che è già alla seconda legislatura e quindi non più candidabile nel M5S, potrebbe essere il movente di questa intervista concordata - conclude Ottomano - e il 'do ut des' per il passaggio ad altra formazione politica, probabilmente il Pd o affini".

 

 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • dulbecco2

    10 Settembre 2012 - 21:09

    come si fa a seguire un comico.. bravo solo a criticare..ma poi non credo sia in grado di governare.. peraltro mi sa tanto di paraculo

    Report

    Rispondi

  • biri

    10 Settembre 2012 - 12:12

    Certo, gertdalpozzo, il cosiddetto giornalista freelance non è altri che un aderente al M5S di Vicenza, cioè uno di quelli che possono dire solo quello che vuole Grillo, pena - come si sa - l'espulsione dalla setta degli adoratori del guru. Un vero giornalista indipendente. Libero, come sempre, non ha capito niente; ma lei neanche.

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    10 Settembre 2012 - 11:11

    Puoi e devi votare secondo la tua coscienza,ci mancherebbe altro.Ma come vado dicendo oramai da molti anni in questo forum,rivolgendomi agli antiberlusconiani di sinistra,di centro e di destra,tutto quello che è successo a Berlusconi potrà succedere anche ai vostri beniamini.Quando i poteri forti,tra cui la Magistratura,(una delle lobby più potenti)decideranno che un uomo politico deve sparire,questo,volente o nolente sparisce,con buona pace dei milioni di elettori che lo hanno scelto democraticammente.

    Report

    Rispondi

  • gertdalpozzo2

    10 Settembre 2012 - 01:01

    Beppe Grillo sul blog non ha accusato proprio nessuno, le frasi che avete riportato in virgolettato sono di un giornalista free-lance (Maurizio Ottomano). Ma il vizio di attribuire alla gente sbagliata ce l'avete da un pezzo. L'altra volta non avete smentito... vediamo stavolta...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog